Memorial Ford a Brindisi, la Vuelle cala alla distanza (85-91)

di 

27 settembre 2015

CONSULTINVEST PESARO – ENEL BRINDISI 85-91

Consultinvest Pesaro: Shelton 12, Basile 0, Gazzotti 2, Lacey 14, Christon 22, Solazzi 0, Candussi 0, Walker 2, Ceron 19, Serpilli 0, McKissic 14. All. Paolini

Enel Brindisi: Banks 2, Reynolds 17, Scott 5, Cournooh 10, Harris 8, Cardillo 0, Milosevic 16, Gagic 9, Zerini 9, Marzaioli 0. Kadji 15. All.Bucchi

Arbitri: Gasparri, Pazzaglia, Vita

Parziali: 26-19, 19-23, 20-25, 20-24

Spettatori: 3000 circa

Pesaro – Brindisi si aggiudica il Memorial Alphonso Ford col punteggio di 91 a 85, al termine di un match a tratti anche divertente, con difese ancora da precampionato, con tanti punti in contropiede. Pesaro parte bene nel primo tempo, ma cala alla distanza, nonostante le buone prove di Christon e Ceron, con Lacey a corrente alternata e Walker abbastanza anonimo, benino Shelton, mentre Candussi e Gazzotti non hanno brillato come nelle precedenti amichevoli, un peccato perché, anche se non contavano i due punti, una vittoria avrebbe alzato il morale di squadra e pubblico ad una settimana dall’inizio del campionato.

Prima del match, viene presentato lo staff biancorosso e il roster nuovo di zecca della Consultinvest 2015-16 con i giocatori che nella penombra dell’Adriatic Arena fanno il giro delle tribune a distribuire “cinque” alle prime file del parterre, per poi passare al doveroso omaggio ad Alphonso Ford, con un nuovo video per rinfrescare la memoria su uno dei migliori realizzatori che abbiano mai calcato i parquet italiani ed europei, scomparso prematuramente ormai 11 anni orsono, ma che continua a rimanere nei cuori di tutti coloro che ne hanno potuto ammirare le gesta, con la sua lettera d’addio a Pesaro che viene letta prima in inglese e poi in italiano tra gli applausi del pubblico.

Si comincia con la Vuelle che schiera il quintetto base composto da Christon come play, Lacey da guardia. McKissic da ala piccola e la coppia Shelton e Walker a presidiare i tabelloni, primi due punti del match per merito di Walker assistito da Christon, con Shelton a colpire dall’angolo con la tripla del 5 a 0 per una Consultinvest che fa girare veloce la palla in attacco, liberando di volta in volta un tiratore sul perimetro con il punteggio che lievita fino al 12 a 2 casalingo, primi cambi per coach Paolini con Ceron, Candussi, e Basile sul parquet, triplo cambio che coincide con il parziale a favore di Brindisi che si riporta ad una sola lunghezza (16-15), prima che Ceron scagli una tripla in contropiede, marchio di fabbrica dell’ex veneziano, che si ripete nell’azione successiva con un gioco da quattro punti, in un primo quarto divertente e giocato a buon ritmo che si chiude con i padroni di casa avanti per 26 a 19.

Quintetto inedito ad inizio del secondo quarto, con Christon in compagnia di quattro italiani, con Ceron che, oltre al tiro, fa vedere di avere altre armi nel suo repertorio, con un paio di entrate che lo portano già in doppia cifra (11 punti) e consentono alla Vuelle di mantenersi avanti sul 30 a 26, anche se Brindisi approfitta dell’assenza di Walker per servire con troppa facilità i suoi lunghi, che vengono liberati con passaggi backdoor che la difesa pesarese non riesce a leggere e con due liberi di Scott l’Enel si riporta a meno uno (38-37), prima di un paio di belle giocate di Christon che consentono alla Consultinvest di andare all’intervallo lungo con tre punti di vantaggio sul 45 a 42.

Le statistiche di metà partita evidenziano il buon controllo dei rimbalzi da parte della Vuelle (20 a 14) che accusa qualche problema di troppo dalla lunetta (13 su 19) e ha sbagliato una sola tripla sulle sette tentate.

Una tripla di Reynolds in apertura di terzo quarto porta il punteggio in parità e con un libero di Kadji, Brindisi per la prima volta si porta in vantaggio in un match che ora viaggia sul filo dell’equilibrio, con Christon (14 punti) che sembra deciso a lasciare la sua impronta sulla partita con un paio di entrate pregevoli per il 55 a 48 casalingo grazie al 13esimo punto di un positivo McKissic, ma Brindisi si riporta di nuovo avanti grazie a tre triple consecutive, in un terzo periodo meno brillante dei precedenti che si conclude con gli ospiti in vantaggio per 67 a 65.

Ceron apre l’ultimo quarto finalizzando un contropiede per il suo 19esimo punto personale e sulla tripla di Lacey, Pesaro torna avanti sul 70 a 69, ma è in difesa che le cose non vanno benissimo con una marea di canestri subiti dentro l’area con la colpevole complicità dei lunghi biancorossi che consentono all’Enel di portarsi sull’80 a 74 a cinque minuti dalla conclusione, Shelton rimuove il suo tabellino con la schiacciata del meno quattro e sull’ennesima entrata di Christon la Consultinvest si porta sul 78 ad 80 a duecento secondi dalla sirena, con coach Bucchi che non ci sta a perdere e chiama timeout per provare a vincere il match, Kadki infila la tripla del più cinque ospite e dopo un paio di errori pesaresi, Milosevic manda in archivio una partita che Pesaro non è riuscita a controllare e che si conclude con la vittoria dell’Enel Brindisi per 91 a 85.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>