Gp del Giappone: torna a splendere la stella della Mercedes

di 

28 settembre 2015

imagesSUZUKA (Giappone) – Lewis Hamilton e la sua Mercedes dominano il G.P del Giappone, il praticamente… tre volte campione del mondo, riscatta la prestazione opaca di domenica scorsa a Singapore, con una gara delle sue in testa fin dall’inizio, dopo aver superato di forza il compagno Rosberg che partiva dalla pole. Hamilton e la sua Mercedes come due fantasmi per gli altri piloti, sai che ci sono ma non li vedi, ormai anche Rosberg in cuor suo deve rassegnarsi finchè avrà in squadra Hamilton addio sogni di gloria.

Ferrari – Vettel e Raikkonen “doppietta” anche per loro però dietro le Mercedes, scherzi a parte ottima gara di entrambi i ferraristi, Suzuka non è un circuito per la Ferrari di quest’anno e sia Vettel che Kimi consapevoli di questo fattore e del prevedibile ritorno della Mercedes, hanno svolto un buon lavoro. Vettel partito bene ha provato ad inserirsi fra Hamilton e Rosberg, riuscendoci per quasi mezza gara, perdendo la seconda posizione dopo il terzo pit-stop, ha tentato il rush finale sul connazionale della Mercedes, ma probabilmente il problema dei doppiaggi e l’usura degli pneumatici,oggi messi a dura prova dalle temperature dell’asfalto, hanno consigliato Vettel a mettere un altro podio in cassaforte e mantenersi comunque vicino a Rosberg, per la lotta che riguarda la seconda posizione nel mondiale. Come detto buona anche di Raikkonen ormai fido scudiero di Vettel, oggi anche se da lontano ha rintuzzato gli attacchi di Bottas e della Williams, rafforzando con i punti presi sia la posizione della Ferrari nel costruttori sia la sua nel piloti. Il popolo ferrarista si era illuso, come un po’ tutti, dopo la fantastica vittoria di Vettel della scorsa settimana a Singapore, coincisa con una pesante debacle della Mercedes, ma c’era da aspettarselo il ritorno della Mercedes, a nostro parere a Maranello hanno svolto e stanno svolgendo un ottimo lavoro, l’obbiettivo che pare essere come e un elastico a volte lontano a volte vicino, è comunque raggiungibile, Arrivabene e i suoi sanno che hanno le capacità per riuscire nell’impresa di riportare la Ferrari al vertice.

La gara degli altri, buona la gara di Bottas che chiude quinto con la Williams, ottimo ritorno dopo alcune prestazioni opache di Hulkenberg sesto con la Force-India, anche Grosjean e Maldonado portano un po’ sorriso con il loro settimo e ottavo posto alla Lotus ormai sull’orlo del fallimento. Bravo come sempre il “ baby” Verstappen, l’olandesino regola il compagno Sainz, conquistando il nono posto. Alonso ottiene un “confortante” undicesimo posto, dopo uno sconcertante team radio, dove frustrato dalle deludenti prestazioni della sua McLaren-Honda, ha urlato al suo box , che gli sembrava di avere un motore da “GP 2”. Prossimo appuntamento fra quindici giorni in Russia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>