Dentro la corsa: Alex Baldolini racconta la sua Magny Cours in esclusiva a Pu24

di 

5 ottobre 2015

di Alex Baldolini* 

PESARO – Ciao Pesaro! Siamo tornati questa mattina presto dalla trasferta di Magny-Cours e probabilmente non posso scrivere esattamente quello che penso perché sarebbe forse poco “fine”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

È dura parlare di un week-end dove stavamo dimostrando che anche facendo le cose in piccolo, se fatte bene, si possono raggiungere ottimi risultati. Siamo stati sempre veloci forse come non mai in questa stagione, sull’asciutto mi sentivo benissimo ed ho fatto registrare il quarto miglior tempo sabato mattina nell’ultimo turno di prove libere, poi nelle qualifiche è piovuto e quest’anno (per fortuna) non abbiamo praticamente mai girato sul bagnato grazie alla clemenza del meteo, ma anche in queste condizioni che su questo tracciato sono ancora piú estreme a causa del pochissimo grip, il team e la moto hanno risposto alla grande. Mi sono sentito subito bene sull’asfalto bagnato e i tempi miglioravano giro dopo giro; a 3 minuti dal termine ero terzo e alla fine ho chiuso quinto: miglior MV Agusta in griglia e miglior italiano; niente male per un team alla sua prima stagione mondiale no? Domenica eravamo prontissimi, le condizioni erano difficili: la pista era umida ma si stava asciugando poco a poco e ho deciso di partire con le gomme da pioggia, forse una scelta un po’ troppo conservativa, ma credetemi era difficile fare diversamente per vari motivi. Pronti via e scatto bene, quelli davanti a me hanno gomme intermedie e so che in punti asciutti avranno vantaggi, mentre in quelli ancora bagnati dovrò spingere al massimo per approfittare della mia scelta.  Sono terzo e lotto per rimanere e tenere duro, mi stavo proprio divertendo, poi la pista inizia a asciugarsi e mi rendo conto che sarà difficile rimanere con quelli davanti fino alla fine, ma sono ancora quarta e mi dico che devo tenere duro, poi ad un tratto bandiera rossa, io penso “sono salvo!!! Posso cambiare gomme”. Arrivo al box e i ragazzi iniziano a preparare la moto da asciutto, poi una doccia fredda: mi dicono che c’è un problema: che il filetto sul piedino della forcella dove viene avvitata una pinza freno è spannato e che così non si può rientrare in pista! Tutto il team si è dannato l’anima a cercare di cambiare lo stelo della forcella con uno di ricambio che abbiamo ma la procedura rapida di ripartenza non ci ha aiutato e con così poco tempo a disposizione non sono riusciti a terminare la moto in tempo e mio malgrado sono stato costretto a guardare gli altri correre una gara dove avrei potuto dire la mia. Che dire??? Io dico sempre che sono le gare ma la sfortuna ci colpisce duramente quando meno ce lo meritiamo, stiamo facendo un ottimo lavoro con quello che abbiamo a disposizione ma sul momento piú bello accade sempre qualcosa. Ora manca solo un round in Qatar e partiamo convintissimi che anche lá potremo fare un ottimo fine settimana, perchè dobbiamo riprenderci quello che la sofrtuna ci ha tolto a Magny-Cours. Quindi non vedo l’ora di ripartire per l’ultima trasferta dell’anno! Vi racconteró poi com’è andata, ma se potete seguitemi in tv, così lo vedete in diretta!!! Ciao!!!

*pilota Supersport

 

Un commento to “Dentro la corsa: Alex Baldolini racconta la sua Magny Cours in esclusiva a Pu24”

  1. dai de gas scrive:

    Grande Baldo, un grande che non si arrende mai.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>