Camb Montecchio, esordio vincente contro Urbino

di 

6 ottobre 2015

CAMB MONTECCHIO – BASKET DUCALE URBINO 66-47
CAMB MONTECCHIO: Polveroni 0, Donati 10, Arduini 0, Laloni 0, Di Noto 2, Medde 7, Cecchini 10, Ballerini 2, Terenzi 15, Costantini 10, Andreatini 0, Consani 10. All. Morelli – Vice Paolucci
BASKET DUCALE URBINO: Fedrigucci 2, Federici 2, Ghiselli ne, Muffa 16, Santi 4, Lecce 0, Pershquefa 2, Tasselli 6, Della Mora 5, Cappellacci 10, Bartoli 0. All. Cangiotti
ARBITRI: Tempesta e Sampaolesi
PARZIALI: 17-17; 17-9; 13-14; 19-7.

MONTECCHIO – Esordio casalingo positivo per la Camb, ma non inganni il punteggio finale, fino al terzo quarto c’è stata partita! Partenza lenta dei giocatori di Morelli sorpresi forse dall’aggressività del quintetto ospite, si insegue. L’Urbino guidato in attacco da un ottimo Muffa tiene. Poi a poco meno di metà del secondo quarto entra il non ancora maggiorenne Costantini (compirà 18 anni il 31 di ottobre) ed è proprio lui con un paio di minuti di “ordinaria follia” a piazzare un 4/4 al tiro (comprese 2 triple), 10 punti in un amen, e piazza il primo scossone al match. Ciò permette al Montecchio di andare al riposo lungo sul risultato di 34-26.

Alla ripresa delle ostilità la squadra ducale non molla, dominano le difese, il parziale di questa frazione lo dimostra (13-14). Nell’ultima frazione sale in cattedra Terenzi a dare intensità alla squadra e punti in attacco (8 i suoi in questo periodo). L’Urbino ne marca solo 7 e la Camb chiude con un margine di scarto ampio!

Tirando le somme ce ne sono di cose positive per la squadra di casa: l’ottima prova dei lunghi con il sempre positivo Andreatini, Cecco che ha sfruttato in attacco tutte le opportunità che gli si sono presentate ha chiuso con una valutazione di 19, la più alta, il giovane Di Noto che con 8 rimbalzi 4 palle recuperate e 2 stoppate ha fatto il suo; 5 uomini in doppia cifra sintomo di pericolosità in attacco ben distribuita; l’ottima regia di Consani che ha fatto vedere anche la sua efficacia in attacco; come già detto la prova del giovane Costantini ha fatto rimanere senza parole (nell’ottica della società quest’anno c’è l’obiettivo di valorizzare i giovani locali, un sintomo ne è stato anche lo schierare un altro ’97, Ballerini, nel quintetto iniziale); per ultimo la prova di quello che probabilmente è stato l’MVP del match, Terenzi. I montecchiesi sono felici di averlo ancora con loro.

Prossimo appuntamento, ancora tra le mura amiche del Pala Dionigi, sabato 10 ottobre: sarà ospite la Virtus Jesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>