Il porto prepara l’inventario dei suoi fondali. Ufficializzati i lavori di carotaggio dell’intero bacino. Si pensa al dragaggio del porto antico

di 

8 ottobre 2015

Porto PesaroPESARO – Pronti ai blocchi di partenza nuovi lavori nel porto di Pesaro. Il summit di oggi fra il Comando Provinciale di Capitaneria di Porto, l’Arpam e il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Ancona ha ufficializzato l’assegnazione dei lavori di carotaggio dell’intero bacino portuale. Lavori che prevedono un capillare monitoraggio dello scalo con particolare attenzione dedicata allo specchio d’acqua prospiciente il porto antico. L’obiettivo è quello di stabilire con certezza lo stato dei sedimenti e spianare la strada ad un eventuale nuovo dragaggio che restituisca al porto gli storici fondali consentendo chiarezza e tranquillità alle attività di diporto.

I carotaggi si avvarranno di fondi ministeriali e saranno effettuati dalla ditta Geotecnica Ricci srl di Chieti. Sarà un lavoro propedeutico a un potenziale effetto domino. Perché un eventuale dragaggio può dare la possibilità ai vari sodalizi nautici di fruire in maniera piena di tutta le banchina e sfruttare al massimo le possibilità di pescaggio del porto pesarese.

Contestualmente è stata infatti prorogata al 18 ottobre la possibilità per le unità da diporto di stazionare nella nuova darsena dove poi si cercherà di ragionare per incrementarne la vocazione commerciale. Nuova darsena che sarà sottoposta a lavori di manutenzione straordinaria della banchina (anche questi ufficializzati oggi) e alla ricarica delle mantellate delle dighe esterne.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>