Dopo l’amara Avellino, la frizzante ouverture all’Adratic Arena. Consultinvest contro Pistoia di Vincenzo Esposito

di 

9 ottobre 2015

PESARO – Può essere già decisiva una partita, anche se siamo solamente alla seconda di campionato? Probabilmente no, ma è innegabile che la sfida casalinga della Consultinvest contro Pistoia, sia una di quelle da poter mettere nella casella vittorie in un’ipotetica tabella salvezza da compilare da qui al prossimo 30 aprile, per una Vuelle consapevole di dover ottenere il massimo nei match alla sua portata (che saranno al massimo una ventina), soprattutto quelli che si svolgeranno tra le mura amiche dell’Adriatic Arena, ma non sarà per niente facile conquistare i due punti contro una Giorgio Tesi Group apparsa subito in forma nella prestigiosa vittoria colta contro Brindisi, soprattutto se non si alzerà il rendimento collettivo di una Consultinvest che non può permettersi che i suoi americani segnino appena due punti a testa, come è capitato domenica scorsa a Shelton e Lacey, trasferendo tutto il peso offensivo sulle spalle di Christon e McKissic, ben lieti di accollarselo, per le loro caratteristiche tecniche individuali che li fanno prediligere di avere spesso il pallone tra le mani, ma il basket rimane uno sport di squadra e, senza il fondamentale contributo di tutto il gruppo, difficilmente si riuscirà a muovere la classifica, in un inizio di campionato non proprio agevole per una Vuelle che, dopo Pistoia, sarà di scena a Varese, ospiterà Bologna e sarà attesa da due trasferte consecutive e complicate come quelle di Reggio Emilia e Trento.

Un'azione della Consultinvest nella prima giornata di Avellino

Un’azione della Consultinvest nella prima giornata di Avellino

I risultati della prima giornata non sono proprio stati ideali per la Consultinvest, con le vittorie ottenute da Capo d’Orlando e Pistoia che hanno dimostrato come – specialmente all’inizio – questo sia un campionato dove la differenza tra zona playoff e zona retrocessione non sia così marcata come l’anno scorso e forse il cerchio delle pericolanti si dovrà allargare inserendo Torino e Cantù, ma i ragazzi di coach Paolini dovranno essere abili a sfruttare il loro debutto ufficiale all’Adriatic Arena, mostrando il lato migliore della gioventù, quello che gli consente di esprimere a tratti un gioco piacevole e redditizio, a patto di non ricadere troppo spesso in quei blackout che hanno caratterizzato tutto il precampionato, dovuti – come ha sottolineato coach Paolini – più che ad una cattiva difesa, ad un pessimo attacco, come le sei azioni offensive consecutive non finalizzate, tra banali palle perse e tiri che hanno appena sfiorato il ferro, che hanno consentito ad Avellino di piazzare il break di 15 a 0 che ha di fatto chiuso il match e forse non è casuale che a dirigere il gioco in quei frangenti sia stato l’acerbo Nicolò Basile, al posto di un Christon seduto in panchina a rifiatare.

Uno dei tanti problemi da risolvere al più presto, insieme a quello della scarsa velocità di piedi di Walker e Candussi e ai problemi di falli di Shelton, per una Consultinvest che spera di non dover aspettare il mese di novembre – come nel 2014 – per “espugnare” l’Adriatic Arena.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

 

CONSULTINVEST PESARO (0 PUNTI) – GIORGIO TESI GROUP PISTOIA (2 PUNTI)

Domenica 11 ottobre – ore 18.15 – Adriatic Arena di Pesaro

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Vincenzo Esposito, allenatore Pistoia

Vincenzo Esposito, allenatore Pistoia

Coach Vincenzo Esposito si trova per le mani un gruppo totalmente nuovo, ma anche se il budget è inferiore a quello dell’anno scorso, a Pistoia non si sono persi d’animo e hanno allestito un discreto roster, con il play ex Caserta Ronald Moore che ha seguito il suo allenatore in Toscana, in un quintetto dove la guardia americana Preston Knowles ha il ventello nelle mani ogni domenica e l’ala Wayne Blackshear dovrà fare da collante con un reparto lunghi di tutto rispetto, formato dal sempre utile Michele Antonutti e dal 24enne Alex Kirk, cento tecnico di 213 cm che domenica scorsa ha avuto la migliore valutazione di giornata (35).

Assente Marcus Thornton per infortunio fino a novembre, al suo posto la Giorgio Tesi ha ingaggiato il polacco Alekzander Czyz, in una panchina che può contare anche sull’oriundo Ariel Filloy e sui giovani Eric Lombardi e Giovanni Severini.

 

IL DUELLO CHIAVE

MO WALKER VS ALEX KIRK:

Contro Cervi, Walker è andato subito in difficoltà, subendo le braccia lunghe del centro della Nazionale sia in attacco che in difesa, Kirk è un giocatore diverso dall’ex reggiano, meno verticale ma più tecnico, con un gioco spalle a canestro simile a quello dell’americano biancorosso, che cercherà di riscattarsi dopo un debutto non proprio da manuale.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Oggi chiude ufficialmente la campagna abbonamenti della Consultinvest 2015-16 e sembra che si sia superato di qualche decina di unità il numero dell’anno scorso, anche se solamente domenica saranno comunicati i dati ufficiali, con la speranza che – come succede nelle altre società – venga divulgato anche come ci siamo arrivati a superare di nuovo quota 3000, pubblicando il numero delle tessere omaggio, di quelle a prezze ridotto per gli under 21 e gli over 65, di quelli che hanno usufruito degli sconti del 10 e del 15% e di quelli che invece hanno pagato l’abbonamento a prezzo intero.

Sul fronte tecnico, coach Paolini ha recuperato Mo Walker dopo il fastidio al collo accusato ad Avellino e proprio il centro canadese è atteso ad una prova più convincente rispetto a domenica scorsa, anche se avrà bisogno di essere aiutato dai compagni che dovranno cercare di fargli arrivare la palla coi ritmi giusti, senza alzargli improbabili alley-oop o senza recapitargli palloni sotto il ginocchio difficili da controllare per un atleta delle sue dimensioni, naturalmente servirà un D.J. Shelton dal minutaggio superiore ai soli 12 minuti contro la Sidigas, costretto a rimanere in panchina causa falli prematuri, problema da risolvere al più presto, perché c’è la sensazione che la coppia di lunghi che dovrà rimanere sul parquet nei momenti più delicati dei match, sarà quella composta da Shelton e Gazzotti, che avrà meno centimetri e chili rispetto a quella formata da Walker e Candussi, ma che sembra più affidabile e in grado di chiudere l’area con più dinamismo.

Anche Ceron e Lacey dovranno alzare di qualche step il loro rendimento, non limitandosi solamente ad aspettare sul perimetro gli scarichi dei compagni, ma attaccando il ferro con decisione, per non dare troppi punti di riferimento alla difesa pistoiese che non sembra insormontabile, se attaccata ribaltando il pallone sul lato debole per sfruttare la maggior velocità dei ragazzi di coach Paolini, in una partita che potrebbe risolversi negli ultimi minuti e che – se non decisiva – dirà molto sul futuro di questa Consultinvest.

 

LA SECONDA GIORNATA IN PILLOLE

Saranno Brindisi e Bologna ad inaugurare il mezzogiorno di Sky, con l’anticipo all’ora di pranzo che diventerà una costante nel palinsesto della piattaforma satellitare, tra le sfide delle 18.15 spicca quella tra Reggio Emilia – forse la squadra più in forma del lotto – ed Avellino, con Venezia che – contro Capo D’Orlando – dovrà riscattarsi dalla sconfitta patita a Bologna, mentre Cremona-Trento e Caserta-Torino sono due sfide dal pronostico aperto. Il derby lombardo tra Milano e Varese sarà il posticipo serale su Raisport, in un turno che si chiuderà lunedì sera con i Campioni d’Italia di Sassari che andranno a far visita all’Acqua Vitasnella Cantù.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>