Marcello Mamini racconta e si racconta. L’ombra sfuggente del male presentata all’EXP(l)Orazione del Gusto di Confcommercio

di 

9 ottobre 2015

URBINO – Bel connubio, quello confezionato giovedì sera alla DATA di Urbino, fra la presentazione del libro di Marcello Mamini, “L’ombra Sfuggente del Male” e le degustazioni del giovedì con EXP(l)Orazione del Gusto promosse da Confcommercio Pesaro e Urbino. Abbiamo incontrato l’autore che, in una chiacchierata, ci ha raccontato come è diventato scrittore, quasi per caso, ci ha parlato dei suoi lavori pubblicati e dell’ultimo romanzo presentato ieri.

12047131_1496231937337192_8774912700507585817_n

Amerigo Varotti e Marcello Mamini


“E’ iniziato tutto a Urbino, affascinato da Federico da Montefeltro, ho pensato di descrivere la sua corte con un riferimento alla musica, del quale era amante. Nel suo studiolo c’erano dei libri di musica intarsiati, ho chiesto al cicerone cosa ci fosse scritto e mi ha detto che non lo sapeva. Dà li ho deciso di tradurlo io. E ne ho fatta una storia. Non sono uno storico ma mi piace narrare.”

Un percorso letterario, quello di Mamini, che va verso la narrativa, ma sempre in chiave pop, cercando di scoprire qualcosa in più di personaggi di cui conosciamo tutto. Rendendoli affascinanti a tutti. “Le mie opere si possono trovare anche su Amazon oppure, si possono leggere gratis sul mio sito.” La sottolineatura dell’autore che, da buon pesarese, non poteva non dedicare un libro al simbolo per eccellenza della città: Gioachino Rossini. “Il percorso ha varato verso la narrativa, sono uscite due novelle, poi un’altro grande amore: Rossini. A Pesaro tutti sanno tutto di lui. Un personaggio difficile, che a me sembrava grasso, vecchio, fissato con la cucina e naturalmente tanta musica. Mi sono chiesto: Sarà stato giovane, sarà stato innamorato. Da li ho scritto una storia d’amore. L’ho fatto per avvicinare tutti alla cultura.”

image001L’ultimo lavoro (presentato ieri) fa riflettere su un tema attualissimo, la violenza e il dolore. Ma lo fa sempre in chiave leggera e romanzata: “L’ombra Sfuggente del Male parla di un personaggio improbabile che vuole guarire il dolore, specie quello delle donne perché è un inguaribile donnaiolo (proprio come lo sono io). Pensando a tutte le donne che soffrono ho avuto l’ispirazione, e improvvisamente questo personaggio ha trovato me, dicendomi che aveva la dote di guarire le donne. Da li è nato questo ultimo romanzo che sembra leggero ma una volta terminato ci si pone la domanda sul dolore, del male nel mondo e di come non se ne può uscire.”

12096044_1496231924003860_5364207029432732841_nLa serata promossa da Confcommercio Pesaro e Urbino, rientra in quella rosa di iniziative per celebrare i 70 anni dell’associazione. Il direttore provinciale Amerigo Varotti ricorda come “si siano realizzati tanti eventi quest’anno in vista di questa importante ricorrenza che culminerà il 25 ottobre, alle 11 nella sede di Confcommercio, con la presenza del presidente nazionale Carlo Sangalli, e la premiazione di alcuni imprenditori della provincia.”

Varotti che prosegue ricordando l’impegno di Confcommercio negli anni per la cultura: “Non sono mancate presentazioni di libri ma anche le pubblicazioni delle nostre collane editoriali, che realizziamo da diverso tempo. Non dimentichiamo la gestione del museo dei Bronzi di Pergola. Naturalmente l’enogastronomia, con il turismo, fanno parte del nostro core-business con l’obiettivo di valorizzare i prodotti della provincia. Un mix che non poteva non ritrovarsi a Urbino.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>