Antonelli e il Team Ongetta Rivacold vincono a Motegi in Moto3

di 

11 ottobre 2015

Niccolò Antonelli

Niccolò Antonelli

MOTEGI (Giappone) – Aurora dolce per i colori italiani a Motegi.

Alle 5.45, ora italiana, le note dell’Inno di Mameli hanno sancito il successo italiano – nella prima gara di giornata in Giappone – grazie ad uno splendido Niccolò Antonelli autore di una Gara maiuscola in sella alla Honda del team di Giancarlo e Mirko Cecchini, quel team Ongetta Rivacold che è un vanto per la città di Pesaro.

“Nicco” partiva dalla prima fila con al suo fianco altri due italiani, Fenati dalla pole e Bastianini, ma lui centrava – a differenza degli altri due piloti azzurri – una buona partenza entrando davanti a tutti nella prima curva e transitando primo al traguardo nel giro iniziale della corsa.

A quel punto la competizione per la conquista del gradino più alto del podio era già finita: Antonelli si è preso un piccolo vantaggio sugli avversari che poi ha gestito con oculatezza sino alla bandiera a scacchi.

Il pilota che cadeva più di tutti è diventato Grande, è diventato consistente, è cresciuto grazie alla famiglia Cecchini che lo ha curato “come un figlio” dandogli fiducia e una moto vincente: “Eravamo forti sull’asciutto – ha detto un emozionatissimo e felice Mirko Cecchini a fine gara – ma una vittoria così, d’autorità sul bagnato, è un successo bellissimo: complimenti a Niccolò che ha vinto in solitaria”.

In cinque gare, Niccolò Antonelli e il team Ongetta Rivacold sono saliti per quattro volte sul podio ed hanno vinto due gare iridate: un bel biglietto da visita per Pesaro che, dopo essere la città della Musica e città della Bicicletta, tra poco potrebbe diventare anche città della Motocicletta. “Sono felice – ha detto un raggiante Antonelli appena sceso dal gradino più alto del podio – è stata una gara difficile ma grazie ad una moto perfetta sono riuscito a sostenere un ritmo impossibile per gli altri”.

“Vincere la prima gara è bello – ha concluso il pilota della Accademia di Valentino Rossi – ma riconfermarsi con un’altra vittoria è bello uguale: un grazie al team Ongetta-Rivacold e a tutti coloro che hanno creduto in me”.

Antonelli e la scuderia pesarese, con questo successo, hanno regalato alla Honda il titolo costruttori (che Honda non vinceva dal lontano 2001 nelle piccole cilindrate) sul circuito di proprietà del più grande costruttore di moto del mondo: un’altra medaglia al valore da apporre sul petto di Giancarlo e Mirko Cecchini.

Un commento to “Antonelli e il Team Ongetta Rivacold vincono a Motegi in Moto3”

  1. Giorgio scrive:

    Bella gara bravo il pilota Antonelli mi piace tanto ora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>