Che peccato Vuelle: Pistoia recupera 17 punti e vince di 1 (73-74)

di 

11 ottobre 2015

CONSULTINVEST PESARO – GIORGIO TESI GROUP PISTOIA 73-74
CONSULTINVEST PESARO: Shelton 3, Basile 0, Gazzotti 3, Lacey 16, Christon 22, Solazzi ne, Candussi 0, Walker 9, Ceron 3, Serpilli ne, McKissic 17. All. Paolini
GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Knowles 16, Mastellari 0, Antonutti 13, Lombardi 3, Filloy 5. Severini 0, Czyz 20, Blackshear 2, Moore 3, Kirk 12. All. Esposito
ARBITRI: Begnis, Lo Guzzo, Di Francesco
PARZIALI: 27-13, 10-20, 20-16, 16-25
SPETTATORI: 4.108

Vuelle-PistoiaPESARO – Brutta sconfitta per la Consultinvest che, dopo essere stata in vantaggio anche di 17 punti, subisce la rimonta pistoiese che, in un finale punto a punto, riesce ad aver la meglio col punteggio di 74 a 73. Un vero peccato perché Christon, McKissic e Lacey a tratti hanno fatto vedere cose pregevoli per una Vuelle che ha pagato la scarsa vena della coppia di lunghi – Walker e Shelton – e una cattiva gestione dei minuti finali, concedendo un canestro facile agli avversari a 5 secondi dalla sirena e non riuscendo poi nel concitato finale a liberarsi per un tiro. Sconfitta che lascia l’amaro in bocca e che rischia già di complicare il cammino della Vuelle verso la salvezza.

Buon colpo d’occhio sulle tribune dell’Adriatic Arena con una cinquantina di tifosi provenienti da Pistoia. Si parte con lo starting five classico schierato da coach Paolini dall’inizio della preparazione per una Vuelle che trova i primi due punti grazie a McKissic e vola sul 6 a 2 grazie a due canestri consecutivi di Walker, ben servito sotto il tabellone. La Giorgio Tesi non riesce ad esprimere il suo gioco in velocità, perdendo qualche pallone di troppo che Pesaro riesce a tramutare in un break di 12 a 0 che costringe coach Esposito a chiamare timeout. Shelton colpisce dall’angolo con la tripla del 15 a 2 e la Consultinvest vola in contropiede appena ne ha la possibilità con Walker che appoggia il 19 a 2, prima di un gioco da tre punti di Kirk che interrompe un digiuno offensivo ospite durato ben sette minuti. Coach Paolini effettua il suo primo cambio dopo nove minuti, con Gazzotti sul parquet al posto di Walker gravato di due falli, in un primo quarto che si conclude con la Consultinvest meritatamente avanti per 27 a 13.

C’è anche Ceron nel quintetto biancorosso a inizio del secondo quarto, con Pistoia che prova con la zona a mettere in difficoltà l’attacco pesarese che spreca con Christon un paio di facili appoggi al ferro e la Giorgio Tesi ne approfitta per riportarsi ad una singola cifra di svantaggio (27-18 al 13’). Ceron con una tripla a fil di sirena rompe un digiuno offensivo che cominciava a farsi preoccupante, ma anche gli ospiti trovano la prima tripla dopo sette errori consecutivi dai 6,75, in un match che Pistoia sembra aver riaperto (32-24 al 16’) dopo un primo quarto da dimenticare. Walker cade nel brutto vizio di commettere un fallo in attacco – il terzo personale – ampiamente evitabile, ma è tutta la Vuelle ad essersi inceppata offensivamente con soli cinque punti segnati in otto minuti e sulla tripla di Antonutti il match è completamente riaperto (32-31). Ci vogliono cinque punti consecutivi di Christon per muovere un tabellone che al 20’ recita Consultinvest 37 – Pistoia 33.

Le statistiche di metà partita evidenziano il buon controllo dei rimbalzi da parte della Vuelle (17 a 13) che sta tirando complessivamente peggio degli avversari, che possono vantare un ottimo 10 su 13 da due a fronte di un migliorabile 2 su 12 dall’arco dei tre punti. McKissic con i suoi 10 punti messi a segno è l’unico in doppia cifra di un match che si preannuncia equilibrato.

Un arresto e tiro di Christon dai quattro metri apre il secondo tempo, per una Vuelle che ha ricominciato ad attaccare il ferro con maggior decisione, anche se deve risolvere una situazione falli complicata con la coppia di lunghi titolare seduta in panchina con tre penalità a testa e il bonus terminato dopo appena quattro minuti. McKissic con un paio di zingarate riporta a più nove (46-37) la Consultinvest che deve reggere sotto canestro con la coppia italiana Candussi-Gazzotti. Lacey si infiamma con un paio di arresti e tiro da manuale della pallacanestro per il 53 a 44 casalingo di una Vuelle che con la difesa cerca di conservare il discreto vantaggio acquisito e con McKissic chiude il terzo quarto in vantaggio per 57 a 49.

Pesaro si ripresenta sul parquet col suo starting five, ma sono gli ospiti a tornare a soli due punti di distanza con le triple di Antonutti e Moore in un match che si preannuncia equilibrato fino all’ultimo minuto. Una schiacciata di Czyz fissa la parità a quota 60, con la difesa pesarese che non morde più come nei primi minuti. Pistoia per la prima volta si porta in vantaggio sul 65 a 64, con Pesaro che risponde con una tripla di Gazzotti per la nuova parità a quota 67 quando si entra negli ultimi cinque minuti di gioco. Christon sale in cattedra con un paio di entrate da Nba che fanno innervosire coach Esposito che si prende un tecnico per proteste che la Vuelle non sfrutta come dovrebbe e si entra negli ultimi tre minuti con la Consultinvest avanti per 71 a 70. Dopo una serie di errori da ambo le parti è Czyz con una schiacciata a portare in vantaggio gli ospiti (71-72), con l’attacco pesarese che rimane per troppo tempo col pallone in mano senza riuscire a costruirsi un buon tiro. Christon con due liberi riporta avanti Pesaro e lascia 14 secondi alla Giorgio Tesi per provare a vincere la partita. La difesa pesarese si apre come il Mar Rosso e consente a Knowles di appoggiare facilmente il canestro del 74 a 73. Christon commette violazione di falli sulla rimessa a cinque secondi dal termine, ma Pistoia a sua volta non riesce ad effettuare la rimessa e lascia a Pesaro la possibilità di effettuare l’ultimo tiro. Però McKissic si incarta sul più bello non riuscendo neanche a tirare, consentendo alla Giorgio Tesi di espugnare l’Adriatic Arena col punteggio di 74 a 73.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>