Dalla San Giovanni allo Sperimentale per non dimenticare Srebrenica

di 

13 ottobre 2015

PESARO – L’undici luglio scorso è stato commemorato il ventennale del genocidio di Srebrenica. L’associazione Lutva, che nella ricorrenza era presente alle celebrazioni svoltesi in Bosnia, con le emozioni e riflessioni di quell’esperienza, organizza un incontro pubblico giovedì 15 ottobre alle 18.15, alla biblioteca San Giovanni, dal titolo “Srebrenica 20 anni tra inganno, dolore e speranza”. Interverranno Silvia Maraone (esperta di Balcani, cooperante e scrittrice) e Ado Hasanovic (regista); a moderare sarà Luca Palombi dell’associazione Lutva.

volantino_srebrenica_151015La mattina seguente – venerdì 16 ottobre – si terrà un incontro al teatro Sperimentale, tra Silvia Maraone e oltre 400 studenti delle scuole superiori di Pesaro e Fano, con contributi degli studenti che hanno svolto un percorso didattico con l’associazione, concluso con la visita dei posti segnati dal conflitto nella ex Jugoslavia e l’incontro con i testimoni. L’iniziativa si realizza con il patrocinio dell’assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro e la collaborazione della biblioteca San Giovanni.

L’associazione Lutva nasce nel 2009 dal gruppo di persone che nel 1993 (aderendo al progetto delle Acli “Un sorriso per la Bosnia”) decise di impegnarsi nell’aiuto alle popolazioni vittime della pulizia etnica e quindi rifugiate in Slovenia, seguendole costantemente fino al 2001. Gli obiettivi dell’attuale progetto “Popoli, Incontri, Identità. Bosnia: tra passato e futuro. Un viaggio al di là del mare” (che è rivolto agli alunni degli istituti superiori di 2° grado delle classi terze, quarte e quinte), la conoscenza degli eventi storici e delle problematiche specifiche dei Balcani e in particolare della Bosnia; la sensibilizzazione sui temi dell’intercultura, riconoscimento e valorizzazione della diversità anche tramite testimonianza dirette; la conoscenza della cooperazione decentrata e del volontariato internazionale; l’esperienza di turismo responsabile da proporre agli studenti in alternativa o in aggiunta al viaggio d’istruzione; la conoscenza dei rapporti e dei progetti che il nostro territorio ha promosso e promuove in Bosnia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>