Vitaros: la crema che dà nuova vita al sesso. La rubrica di de.Sidera dal Congresso Nazionale di Urologia di Riccione

di 

14 ottobre 2015

d.ssa Arianna Finocchi*

La disfunzione erettile è un disturbo che impedisce all’uomo di raggiungere e/o mantenere la sufficiente erezione del pene. Circa il 13% della popolazione maschile italiana soffre di questo disturbo ma l’incidenza sale al 50% considerando gli uomini con una età compresa tra i 40 e i 70 anni. La disfunzione erettile può essere primaria o secondaria, a seconda se si presenta all’inizio dell’attività sessuale oppure interviene in un secondo momento; inoltre si può distinguere tra disfunzione erettile generalizzata o situazionale se si presenta sempre durante l’attività sessuale o se interviene in determinati momenti, situazioni o con uno specifico partner.

disfunzione1Le cause che possono scatenare la disfunzione erettile sono molteplici e spesso difficili da identificare e quindi trattare. Ma si sta lavorando a ritmo serrato dietro le quinte del sesso e dopo l’arrivo, questa estate, della Flibanserina, la pillola del desiderio femminile, niente più pillole da ingerire, meglio ancora…..oggi sembra essere arrivato un nuovo rimedio per la vecchia fastidiosa “impotenza” che si presenta forse più diffusa di quanto crediamo; il toccasana si chiama VITAROS (il principio attivo è l’Alprostadil) e si tratta di una crema da applicare localmente e che agisce con un principio attivo che stimola i normali meccanismi dell’erezione e non deve, contrariamente ad altri farmaci che lo hanno preceduto, essere iniettata all’interno dei corpi cavernosi, ma la nuova tecnologia formulativa ne permette l’assorbimento cutaneo, si applica, agisce in pochi istanti e ha effetto per oltre 60 minuti. I primi in Europa a sperimentare questa crema “rivoluzionaria” sono stati francesi e spagnoli, successi che hanno dato il via alla diffusione del farmaco anche in Italia.

sempre prontoIn occasione dell’88esimo congresso nazionale della Siu (Società Italiana di Urologia) che si è concluso ieri 13 ottobre a Riccione, una importante casa farmaceutica di Milano, ha annunciato lo sbarco ufficiale di Vitaros e la sua reale efficacia nel trattamento del disturbo, con altre importanti novità per provare a curare con maggiore tempestività ed efficienza la disfunzione. Il nuovo farmaco, contrariamente ai prodotti sistemici per la disfunzione erettile attualmente in commercio, è in crema, agisce localmente e non sono note interazioni negative con altri farmaci, con alimenti e con bevande alcoliche. “La facilità d’utilizzo, con la semplice applicazione locale, in aggiunta all’efficacia clinica e alla sicurezza d’uso, rendono questo farmaco la prima linea di trattamento per i pazienti, circa il 13 per cento della popolazione maschile, che soffrono di disfunzione erettile” La facilità di utilizzo ci mette però anche nella condizione di fare delle riflessioni: sarà più facile farsi prescrivere un farmaco topico piuttosto che indagare la vera natura della disfunzione? Il medico sarà in grado di fare buona diagnosi e, eventualmente indirizzare il proprio paziente dal professionista di competenza? Ricordiamo che se spesso i farmaci contro la disfunzione erettile non funzionano o non hanno funzionato è perché la problematica che si presenta all’impatto come fisica, (il pene non si inturgidisce o perde la rigidità durante il rapporto sessuale) può mascherarsi ed essere in realtà la conseguenza di un disagio psicologico e relazionale; questa crema arrivata ora sul mercato sarà in grado, agendo localmente, di mettere in moto i meccanismi che portano all’erezione nonostante il “rifiuto del corpo” nel mettersi in moto? Sarà una rivoluzione a doppio taglio? È importante sapere che il raggiungimento e il mantenimento dell’erezione dipende da numerosi meccanismi in delicato equilibrio tra di loro; l’erezione comincia nel cervello con il rilascio di numerosi neurotrasmettitori che determinano l’inizio o la fine dell’erezione. Gli stimoli fisici e psicologici determinano un aumento del flusso sanguigno arterioso al pene con un simultanea diminuzione del deflusso venoso; l’aumentato afflusso sanguigno insieme alla rigidità elastica della tonaca albuginea determina il rigonfiamento e la rigidità del pene. Questo delicato equilibrio può subire delle piccole variazioni che possono avere conseguenze importanti sul raggiungimento e mantenimento dell’erezione. In caso di disfunzione erettile è importante rivolgersi senza vergogna al proprio medico, che con una attenta anamnesi e con esami clinici specifici può individuare la causa della disfunzione erettile ed intraprendere una adeguata terapia. Per una corretta diagnosi possono essere eseguiti alcuni esami ematici e delle urine, insieme a dei test della funzionalità erettile che valutano il flusso sanguigno nel pene e nei vasi di afflusso e deflusso, la conduzione degli impulsi, il tono muscolare; alcuni di questi test sono: l’ecografia dinamica peniena la cavernosografia dinamica, la conduzione dei nervi penieni e la rivelazione delle erezioni notturne.

Durante la valutazione di una disfunzione erettile è importante anche un attento esame dei testicoli e della prostata per evidenziare eventuali problemi strutturali e funzionali, molto frequentemente infatti processi infiammatori a carico della prostata sono alla base della disfunzione erettile. Non esiste un’unica terapia per la disfunzione erettile, se il disturbo è di origine psicologica è essenziale l’intervento di un Sessuologo che con il dialogo e con esercizi mirati al rilassamento e/o alla comunicazione di coppia può risolvere la disfunzione erettile. Se questa disfunzione è di origine organica, invece, bisogna valutare attentamente le cause organiche che l’hanno determinata, risolvere le eventuali patologie a carico di altri organi per poi utilizzare trattamenti specifici. Comprendiamo la difficoltà e a volte il senso di vergogna che è accompagnato ad alcune disfunzioni e/o dichiarate patologie, per questo la SIU ha messo appunto una speciale App sul proprio sito web che mira a valutare se vi è disfunzione erettile e, nel caso, quanto è grave: si chiama “Disfunzione erettile – Autovalutati”. La App offre informazioni scientifiche su possibili cause del disturbo e i farmaci che si possono adottare per curarlo, elencando i 300 centri pubblici italiani specializzati, città per città, ai quali rivolgersi per diagnosi e terapie “ad hoc”. È composta da sei quesiti con cui si riceve un punteggio da 1 a 30 che porta a tre semafori: quello rosso, disfunzione erettile grave o moderata; giallo, lieve; verde, normale. Se il risultato è pari o inferiore ai 25 punti, l’applicazione suggerisce di consultate il centro di andro-urologia più vicino. Ci auguriamo che l’immissione sul mercato di questa App non sia un gioco da fare con leggerezza e/o scherzando con gli amici “a fare chi è più virile” ma, se necessario, il primo passo può dare la spinta ad uno successivo e più importante, quello di prendere atto che c’è un problema e che va risolto se si vuole vivere serenamente la propria sessualità. Ci auguriamo che le nuove tecnologie possano essere di aiuto e non di impedimento nella strada per rivolgersi al professionista adeguato. Vitaros deve essere un coadiuvante e non la risoluzione del problema, deve essere un progresso e non la via più rapida e superficiale al raggiungimento di un obiettivo. La parola stessa VITAROS ci rimanda al concetto del “dare o ri-dare vita all’eros” e l’eros non è semplicemente penetrazione, capacità di eccitarsi e mostrare la propria virilità alla partner, Eros è relazione, complicità, piacere reciproco, seduzione, gioco, intimità, Eros è aprirsi, guardarsi dentro e conoscersi: può una crema fare questo al nostro posto?

* de.Sidera

Chi siamo:
L’associazione di psicologia e sessuologia “de.Sidera” vuole essere uno spazio culturale di discussione di tematiche psico-sessuologiche, un momento per riflettere sulla propria sessualità, per rendersi consapevoli che il piacere, in ogni ambito, è accessibile, basta volerlo.

L’ associazione “de.Sidera” è formata da psicologhe e sessuologhe e si occupa inoltre di servizi alla persona attraverso consulenze all’individuo, alla famiglia e alla coppia e fornisce servizi di consulenze ai professionisti.

Siamo a Fermignano e potete seguirci su:
www.desidera.psico@wordpress.it

www.facebook.com/desiderando

oppure contattarci su
mail desidera.info@gmail.com
cellulare 348.6516339

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>