Carabinieri di Fano arrestano al casello un albanese sfuggito alla cattura da un’operazione riminese

di 

23 ottobre 2015

FANO – Con un fortunato mix di intuizione, mestiere e sesto senso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiombobile di Fano hanno “pizzicato” al casello autostradale, nell’ambito di controlli dedicati, un latitante albanese.

Carabinieri di Fano

Carabinieri di Fano

Alla vista di un Audi A4 Sw che a bassa velocità si avvicinava alla sbarra del casello di Fano – trattandosi del modello in assoluto preferito dalle bande di origine albanese – il militare, quasi come riflesso condizionato, ha alzato la paletta intimando l’alt. Alla guida effettivamente vi era un albanese, A.G. 42enne, residente a Tavullia, già noto alle forze dell’ordine. L’intuizione del militare si è rivelata corretta. Difatti dal controllo alla banca dati è emersa sul suo conto un’ordinanza di custodia cautelare pendente emessa dal Tribunale di Rimini per reati inerenti gli stupefacenti.

La Polizia di Stato di Rimini il 9 giugno 2015 aveva eseguito 29 provvedimenti restrittivi nei confronti di soggetti italiani e stranieri ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, spendita di banconote false, estorsione e porto abusivo di armi. L’operazione, denominata “Titano”, aveva permesso di sequestrare oltre un chilo di cocaina e 23mila euro di banconote false. Nel contesto dell’operazione era stato emesso un decreto di chiusura per 30 giorni dell’attività ex art. 100 Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza nei confronti di un noto locale notturno di Rimini utilizzato quale “piazza privilegiata” per l’attività di spaccio da parte della banda. Nell’ordinanza si contestava all’abanese fermato dai Carabinieri, di aver organizzato l’importazione di 120 kg di marijuana unitamente ad altri connazionali.

Nel momento in cui i militari gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere e lo hanno tratto in arresto, l’albanese si è dichiarato totalmente estraneo e vittima di un macroscopico errore giudiziario. Ma sul fatto che il giorno dopo l’operazione di polizia fosse precipitosamente scappato in Albania per fare ritorno solo recentemente, ha preferito glissare. Ora si trova nel carcere di Pesaro a disposizione dell’autorità giudiziaria di Rimini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>