La Ferrovia Fano-Urbino torna sul tavolo del Consiglio Regionale. Le perplessità dell’Associazione Ferrovia Valle Metauro

di 

26 ottobre 2015

Associazione FVM Ferrovia Valle Metauro

URBINO – Torna in Consiglio Regionale la ferrovia Fano Urbino: martedì verranno votate due mozioni contrapposte: la n°17 del PD a firma dei consiglieri Biancani, Minardi, Traversini, Talè  proponente l’acquisito da parte della Regione per salvaguardare la ferrovia mediante la realizzazione di…. una pista ciclabile (!) e la n° 18 del consigliere Fabbri ( Movimento 5 Stelle) che ne chiede la riattivazione ferroviaria con iniziale uso turistico. La votazione ha un esito scontato a meno che il PD non ritiri la sua mozione: i 5 stelle immediatamente farebbero altrettanto, ma sicuramente non ci sarà alcun ritiro, ancora brucia la sonora sconfitta di appena 9 mesi fa nella quale il PD fu messo in minoranza con la mozione 760 dei Verdi che ne chiedeva la riattivazione.

Treno Fano-Urbino ferroviaIl PD sembra seriamente preoccupato delle sorti della ferrovia Fano Urbino e paventa  la vendita ai privati con effetto “spezzatino” del sedime . Per questo chiede che la Regione acquisisca la tratta. In realtà però il grande rischio di smembramento non sembra credibile perché FS non ha mai fatto dichiarazioni pubbliche sulla volontà di vendere a privati ed anzi se non fosse stato per la richiesta di dismissione da parte di Ricci la linea sarebbe ancora li tutelata al 100% e GRATIS!!

Un dubbio si affaccia nella mente di un comune cittadino informato sul caso:per quale motivo il massimo esponente del PD pesarese,  attuale sindaco di Pesaro, fin dal 2010 si è adoperato con ostinazione per decretarne la morte tramite  la dismissione? Non si rendeva conto, il nostro, delle conseguenze negative  inflitte al territorio da una simile, sciagurata decisione? La provincia di Pesaro ed Urbino nel 2013 ( sempre gestione Ricci) ha chiesto ed ottenuto in comodato d’uso gratuito il tratto Canavaccio-Urbino; pertanto se si chiedesse l’estensione del comodato fino a Fano non servirebbe acquisire la tratta con inutile esborso di soldi pubblici ed il problema dell’eventuale vendita sarebbe risolto, però il PD questa strada non la vuole percorrere  in quanto intenzionato ad acquisirla a tutti i costi. Nella mozione 17 non specifica neanche acquisizione “a titolo gratuito” perché teme di avere dei vincoli.

Sorge, quindi, spontanea la domanda:  come si spiega un tale accanimento? Perché i pesaresi sono così determinati ad entrare in possesso di un bene che non rientra nel   loro territorio? La risposta è una sola ( lo capirebbe anche un bambino):  solo attraverso la proprietà acquisita ed esclusiva  se ne può disporre a  libero piacimento: vendita ad una multiservizi? Vendita ai privati delle aree di stazione? Così,dopo la dichiarazione a favore della ferrovia del Ministro dei Beni Culturali Ambientali e del Turismo On. Franceschini  durante la  recente visita al territorio, dopo il sopralluogo  del Direttore della Fondazione FS ing. Cantamessa sulla ferrovia in oggetto, dopo le dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti  e del Presidente FS Michele Mario Elia al Meeting di Rimini  in cui hanno affermato che oltre all’Alta Velocità bisogna investire nei treni  regionali e nel turismo “lento”, si assiste all’incongruo atteggiamento del PD locale che, invece di chiedere subito un incontro con i Ministri competenti (  stesso schieramento politico) per far riaprire la ferrovia Fano Urbino almeno a livello turistico , cosa preferisce fare?

 

Getta la maschera e presenta una mozione per acquisire la tratta per  farne una ciclabile e soprattutto (come ben noto) un acquedotto. Quindi la Regione Marche, oltre ad eventuali  oneri d’acquisizione, dovrà provvedere anche  alla sua manutenzione e messa in sicurezza: la Regione Marche ha fondi da spendere per investimenti improduttivi? Una  proposta molto più razionale e ed economicamente valida è questa: utilizzare gli stessi fondi per risistemare il tracciato ad uso di treni storico-turistici !

Fa molto riflettere il fatto che i politici eletti nella Valle del Metauro,   siano essi  consiglieri regionali, sindaci o consiglieri comunali,  invece di lottare per una vera ed efficace riqualificazione e sviluppo del loro territorio, assistino ed assecondino passivamente il volere di coloro che di questo territorio non  fanno parte. L’impegno del Sindaco di Urbino Gambini sulla questione è ben noto e riconosciuto dalla popolazione; sconcerta, di contro, il silenzioso comportamento del Sindaco di Fano che , con una azione decisa ed illuminata, dovrebbe contrapporsi per arrestare la continua emorragia e perdita patrimoniale  di valori ed opportunità per risollevare la disastrosa situazione del turismo e dell’economia culturale della sua città. La connessione ferroviaria di Fano con Urbino costituisce uno strumento primario  per il  rilancio turistico ed economico delle due città e dell’intero comprensorio della vallata. Si assiste,invece, alla completa separazione degli interessi della politica da quelli dei cittadini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>