Ad Halloween 36 squadre ospiti dei Bees per il primo Trofeo Consultinvest

di 

27 ottobre 2015

PESARO – In occasione della festa di Halloween la società Bees Pesaro organizza il trofeo denominato “3° torneo di Halloween Bees, 1° trofeo Consultinvest”. Venerdì 30 ottobre, alle ore 10.30, nella sala del Consiglio comunale è in programma un incontro con le squadre di ragazzi che prenderanno parte all’iniziativa. Interverranno l’assessore allo Sport Mila Della Dora e il general manager della società di minibasket Bees Pesaro Graziano Sartini.

Mila Della Dora

Mila Della Dora

“Oggi educare allo sport e ai suoi valori, significa costruire nuove realtà umane, reattive ai disagi della nostra società – interviene l’assessore Della Dora -. Lo sport dunque aiuta la socializzazione e al rispetto tra compagni e avversari”.

La manifestazione sportiva si svolgerà da venerdì 30 ottobre a domenica 1 novembre in tutte le palestre cittadine. Al trofeo si sono iscritte 36 squadre divise, in tre categorie. A portare un tocco di internazionalità all’iniziativa, la presenza anche di due squadre messicane, oltre a quelle provenienti dal territorio nazionale, squadre che fanno parte di settori di minibasket importanti. I bambini delle squadre messicane (una composta da 8 bambini del 2004 e 2005 e una da 8 bambini del 2002 e 2003) saranno ospiti delle famiglie dei tesserati Bees (dal mercoledì 28 ottobre a martedì 3 novembre).

 

I bambini Triqui (Messico):
L’ Accademia di basket indigena del Messico (Abim), è un progetto sportivo fondato alla fine del 2009, dal professor Sergio Zuniga, con l’obiettivo di migliorare, grazie allo studio e allo sport, l’infanzia e le condizioni di vita dei bambini delle comunità triquis di Oaxaca, molte delle quali con gravi problemi di povertà e violenza. L’Accademia di basket indigena del Messico è riuscita a essere un punto di riferimento fondamentale sia per lo sport sia per l’istruzione di queste comunità indigene, afflitte da grave povertà e ritardo educativo. L’accademia ha insegnato ai bambini a competere, ad affrontare le avversità della vita, con carattere e entusiasmo. E il sogno è che questo progetto iniziato nella regione Triqui, possa portare e replicare in tutto il Paese l’esempio dei “campioni scalzi della montagna”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>