Assemblea Aato, Seri: “la dimensione provinciale resta quella ottimale”

di 

27 ottobre 2015

Massimo Seri, il sindaco di Fano

Massimo Seri, il sindaco di Fano

FANO – E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal Sindaco di Fano Massimo Seri all’assemblea Aato che si è svolta lunedì a Pesaro. “Venuto a conoscenza della volontà della Regione Marche di costituire un Aato unica regionale e considerato che le condizione organizzative dei Servizi Pubblici Locali (SPL) della regione Marche, per le caratteristiche del nostro territorio, non consentono una vantaggiosa definizione unitaria dell’Aato” ha dichiarato il Sindaco di Fano “ritengo che la dimensione ottimale sia quella su base provinciale e che sia invece strategico che la Regione, di concerto con i comuni, definisca piani di coordinamento dei SPL per ottimizzare costi ed investimenti”.

“Considero indispensabile” ha aggiunto Seri “mantenere in essere le gestioni “in house” che tengano conto degli indici di virtuosità gestionale storicamente ottenuti in relazione alle capacità di investimento sulle reti”. “Ritengo altresì che l’ambito territoriale AATO non dovrà in alcun modo pregiudicare gli affidamenti “in house” e che il legislatore regionale venga chiamato a rispettare le scelte delle comunità locali sulla base dei principi giurisprudenziali affermati dalla Corte di Giustizia Ue e dal Consiglio di Stato”. Il Comune di Fano, attraverso la contrarietà espressa del Sindaco Massimo Seri all’ipotesi di un’unica Autorità d’ambito regionale per SPL , ha così rivendicato e difeso l’autonomia delle esperienze gestionali “in house” e, in senso più generale, la gestione pubblica dei servizi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>