Incontro Ceriscioli-Drudi: patto per un’unica regia di sviluppo

di 

30 ottobre 2015

PESARO – “Alla Regione Marche chiediamo di sostenere il percorso di aggregazione delle camere di commercio, che porti alla formazione di due enti camerali, vigilando sul percorso di riforma e assicurando pari dignità e rappresentanza a ciascun sistema territoriale”. Lo ha detto il presidente della Camera di Commercio di Pesaro Urbino, Alberto Drudi, al termine dell’incontro che ha avuto questa mattina con il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

151030_Ceriscioli in Consiglio

Ceriscioli con Drudi e Schiavoni della Camera di Commercio

Un incontro “estremamente positivo e molto operativo”, durante il quale si sono toccati i principali argomenti legati allo sviluppo delle Marche. Il percorso di aggregazione è “irrinunciabile”, ha spiegato Drudi, che ha messo al centro del confronto anche il tema dell’internazionalizzazione delle imprese, “per il quale va costituita un’unica regia regionale e servono obiettivi e risorse chiare, in modo da contrastare la frammentazione degli interventi e difendere con più efficacia i distretti, valorizzandoli sui mercati esteri”.

Drudi e Ceriscioli hanno parlato anche del quartiere fieristico di Campanara, “l’unico esistente nelle Marche, che l’ente camerale ha finanziato e mantenuto in questo periodo di crisi, con un investimento che certamente è servito a salvare i livelli occupazionali e il mantenimento del polo, che non può essere considerato ‘sine die'”. “Chiediamo un intervento dello stato e degli enti locali – ha detto oggi Drudi – anche alla luce delle disastrose gestioni private, che costellano il territorio che ci circonda”.

Da parte sua, il presidente Ceriscioli ha evidenziato che “il quartiere fieristico, quando viene utilizzato, produce effetti positivi sul territorio” e che “va valorizzato e inserito in un sistema più vasto”. “Sta a noi a saper usare fondi e strategie – ha aggiunto – per rendere la struttura organica e non solo a carico dell’ente camerale: le infrastrutture vanno usate e, in base alle normative, bisogna capire gli ambiti di intervento che come Regione Marche possiamo attuare”.

A proposito di infrastrutture, il presidente ha anticipato che sulla ‘Fano-Grosseto’è previsto un incontro con ministro Del Rio “per capire i tempi e per sollecitare il collegamento con la E45 e l’ammodernamento dalla Guizza a Fano“. “Con Anas stiamo trattando la restituzione della rete stradale – ha detto Ceriscioli – in quanto i costi sono fuori dalle possibilità delle Province e della Regione”.

Il governatore ha anche auspicato che sull’ospedale unico si trovi un accordo tra i sindaci di Pesaro e Fano, perché “il non dialogo non è un bel messaggio per la comunità”, e ha ribadito che “l’aggregazione è necessaria per la competitività, l’utilizzo delle tecnologie e la specializzazione”. “La qualità dei servizi passa nel dire cosa serve – ha concluso – ipocrisia e opportunismo non ci fanno bene, più si ritarda, più aumentano i problemi e i tempi di risoluzione”. Al dibattito sono altresì intervenuti, concordando con le linee di Ceriscioli e Drudi, il Presidente provinciale della CNA Alberto Barilari e il Direttore di Confindustria Pesaro e Urbino Salvatore Giordano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>