La rinascita di Emy, la 21enne cagliese abbandonata da tutti ma non dalle Iene

di 

3 novembre 2015

La cagliese Emy, una ragazza abbandonataLa cagliese Emy, una ragazza abbandonata

La cagliese Emy, una ragazza abbandonata

CAGLI – La storia della cagliese Emy va ancora alla tv. Le Iene, il popolarissimo programma targato Mediaset, nella puntata di ieri – la stessa in cui si è parlato di quanto successo in Spagna a casa Marquez – hanno parlato nuovamente della ragazza 21enne che vive in strada a Oggiono, in provincia di Lecco, dopo anni passati in una comunità per minorenni.

Le difficoltà della vita – incontrate da una ragazza abbandonata da tutti e da tutto – l’hanno portata a imboccare la strada sbagliata, cioè a farsi di eroina arrivando pure a prostituirsi per rimediare il denaro necessario. Anche perché, senza stare a sindacare sul perché e sul per come, il padre non ha più voluto sapere di lei.

Il caso è arrivato in televisione grazie a Patrizia, una donna lombarda che l’ha trovata in un parcheggio ed ha deciso di accorglierla in casa sua. Però non ha i mezzi economici per provvedere a tutto, e quindi si è dovuta rivolgere altrove. La Caritas, però, pare non farsi carico della sua situazione, mentre il Comune di Oggiono ha posto come problema la mancanza di una carta d’identità valida, visto che la ragazza ha raccontato di averla smarrita.

Carta d’identità che Matteo Viviani, l’inviato delle Iene, ha fatto ottenere ad Emy in poche ore, nel Comune di Cagli che è quello di nascita della ragazza, permettendole di iscriversi all’elenco dei senza dimora di Oggiono. Ma ci voleva così tanto? Poche ore per fare una cosa che per mesi, almeno tre, era sembrata uno scoglio insormontabile da superare.

Dopo aver parlato della sua storia il 26 ottobre (guarda qua), ieri le Iene sono tornate da lei, con un servizio dal titolo emblematico “Buona fortuna Emy”, in cui si mostra come le cose stanno cambiando, nel senso che sulla strada della 21enne nata a Cagli sono arrivate alcune persone che finalmente possono darle una speranza concreta per ricominciare, facendole guardare al domani con un po’ di fiducia e di serenità (vedi il servizio qui).

Buona fortuna Emy… che questa sia solo il primo passo verso la felicità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>