Jessica DI Vito, un’artista pesarese in Provenza

di 

5 novembre 2015

PESARO – Ci sono personaggi pesaresi che si fanno strada in altre parti del mondo; una di questi è Jessica Di Vito. Nata a Ravenna 28 anni fa, ha vissuto la maggior parte della sua vita a Pesaro e qui si è formata. Subito dopo le elementari si attacca “… in modo spasmodico a qualsiasi forma di arte e tra queste, il disegno”. Inizia dunque a sperimentare da sola varie tecniche; inizialmente si focalizza sul figurativo in bianco e nero, nature morte, ballerine, paesaggi, animali. Dice di lei: “Cresceva però sempre più forte in me, la voglia di creare dal nulla, qualcosa di solo mio; così ho iniziato ad ascoltare la mia anima e a comporre. Ho trascorso quasi tutti i miei sabato sera con fogli, colori e carboncini sperimentando tecniche inusuali”. Eventi familiari luttuosi le fanno realizzare che la sua vita era solo sua ed era una. Però, tra prenderne coscienza ed il metterlo in pratica ce ne vuole e, forse, non si finisce mai di mettersi in gioco. Un forte aiuto in questo senso le viene dato dall’esperienza maturata in 7 magnifici anni nel Pesaro Village. Entra nel gruppo fondato dall’eclettico Paolo Pagnini a 15 anni.

Jessica Di Vito

Jessica Di Vito

“Questa esperienza mi ha veramente insegnato a superare in modo brillante quelle che erano le mie insicurezze e la mia timidezza, facendomi trovare tre persone (e più) che ancora fanno parte della mia vita (Paolo, Luca e Loris)”. Si iscrive a lettere classiche, indirizzo archeologico, a Bologna ma, nel 2012, si laurea in scienze motorie e della salute a Urbino. Nel frattempo presta anche servizio nell’Esercito Italiano e, il giorno della laurea, si congeda. E’ il giorno dopo il suo compleanno, il 5 dicembre 2012, si laurea e si congeda. “L’arte continua ad avere per me un ruolo importante e, quando posso, creo. Il 2013 segna un anno di svolta in tutti i sensi nella mia vita, apro la partita iva e inizio ad avere il mio bel giro di personal (già dai 18 anni lavoravo in diverse palestre di Pesaro e dintorni). Inaspettatamente mi chiama Matteo Panichi ed inizia per me l’avventura di Villamarina. A dicembre 2013 inauguriamo Villamarina e nello stesso mese, una mia cara amica mi regala una tela, affermando che per lei avevo le capacità per farmi valere nell’ arte”. Le crede ed inizia a dipingere con ogni tipo di colore, con ogni tipo di stucco e malta, materiali edili e soprattutto inizia a dipingere con gli uniposca. Nell’ estate 2014 fa la sua prima esposizione personale alla Sala Laurana di Piazza del Popolo a Pesaro. Inizia a vendere quadri semplicemente promuovendoli su FACEBOOK. “Ora per me è iniziata l’ennesima nuova avventura, ho avuto la possibilità di traferirmi in Provenza, nella culla degli artisti e da perfetta sconosciuta mi sono presentata in una Galleria di Lormarin. Mai avrei pensato che potessero essere interessati e, invece, il 30 ottobre sulla locandina degli artisti esponenti c’era anche il mio nome, in mezzo a quello di artisti già noti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>