myCicero da urlo: 3-0 a Lilliput Settimo Torinese

di 

8 novembre 2015

MYCICERO – LILLIPUT 3-0 (25-17; 25-22; 27-25)
MYCICERO PESARO: Sestini 3, Mezzasoma 13, Babbi 11, Mastrodicasa 10, Di Iulio 3, Liliom 21; Zannini (L), Bordignon 1. N.e.: M’Bra , Di Marino, Gennari, Arciprete. All. Bertini
LILLIPUT SETTIMO TORINESE: Biganzoli 8, Akrari 9, Minati 10, Baggi 2, Midriano, Bazzarone 2; Parlangeli (L), Lubian 2, Giacomel 4, Morello. N.e: Bruno, Bogliani, Bosi (L) All. Moglio
ARBITRI: Brancati e Saltalippi.
NOTE: myCicero: battute sbagliate 7, battute vincenti 4, ricezione 72% (prf. 37%), attacco 44%, errori 27, muri 6. Lilliput Settimo Torinese: battute sbagliate 5, battute vincenti 1, ricezione 62% (prf. 29%), attacco 30%, errori 15, muri 4.
Prima dell’inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dell’ex assessore comunale Maria Pia Gennari, recentemente scomparsa.

PESARO – Parte forte Pesaro che in men che non si dica si porta sul 6-2 grazie ad attacchi potenti della Liliom e a una Babbi attenta a muro e precisa in battuta. Ma la Lilliput non ci sta a fare la vittima sacrificale e, con un parziale di 6-2 impatta subito la contesa (8 pari). Però, quando la myCicero riesce a giocare in velocità, le ospiti sono in difficoltà. Dall’altra parte, Bogliani e compagne, in maniera molto ordinata, riescono a rimanere attaccate al set e si avanti punto a punto fino al 14 pari. Poi sale in cattedra Liliom che fa il paio con qualche errore di troppo in attacco delle ospiti, e Pesaro si porta sul 18-14. Moglio le prova tutte, cambiando il sestetto in campo ma un pallonetto astuto di Babbi consegna il primo parziale alle padrone di casa.

Parte bene la Lilliput nella seconda frazione che, grazie a una condotta ordinata, si porta subito sul 6-3 e poi sul 7-4. Ma Pesaro replica subito e, con un parziale di 5-0, ribalta la situazione (9-7). Si procede così punto a punto fino al 15 pari. Prova a scappare Pesaro grazie a Babbi (colpo magistrale di sinistro, per giunta) e Liliom (17-15 e 19-16), la Lilliput cerca di rimanere attaccata al set (19-18) ma Pesaro è sul pezzo e chiude con un pallonetto intelligente, in posto 3, della Mezzasoma.

Terzo set che vede le ospiti mettere subito il muso avanti come nella precedente frazione: la Lilliput sembra più determinata e, giocando di squadra, prova a scardinare le certezze della myCicero (9-4 e 12-7). Le ragazze di Moglio sembrano padrone del parziale anche perché Pesaro pare più fallosa in attacco e in battuta. Tutto finito? Macchè: Babbi e compagne non vogliono arrendersi tanto facilmente e con un parziale di 5-1 (da 12-18 a 17-19) riaprono la contesa e costringono Moglio a fermare tutto con un time out. Ma Pesaro ha il sangue agli occhi e si fa padrone della situazione grazie a un muro della Sistini e a un errore in attacco della Biganzoli e ribalta addirittura la situazione (23-22) e con Liliom si gioca anche il match point ma la Lilliput ha un colpo di coda e con un parziale di 3-0 pareggia i conti (25 pari). A spaccare la partita ci pensa il cambio azzeccato di Bertini che getta nella mischia Bordignon che, con un ace, porta la myCicero in vantaggio. Tocca a capitan Babbi chiudere la contesa con un attacco preciso.

Tre punti fondamentali per Pesaro in uno scontro diretto che farà bene al morale. Soprattutto la rimonta nell’ultimo set (da 12-18 a 22 pari) ha dell’incredibile (anche se la myCicero non è nuova a queste imprese). Dall’altra parte della rete, la Lilliput ha faticato soprattutto nei primi due set e si è disunita nel momento topico della terza frazione, favorendo la rimonta delle ragazze di Bertini.

“Tre punti fondamentali in uno scontro diretto – commenta Isabella Di Iulio al termine della gara – Una vittoria che fa bene al morale e fa felice i nostri tifosi. L’intesa con Liliom? Lei è arrivata per ultima e l’affinità è da perfezionare ma stasera ci ha aiutato molto. Inoltre – conclude la palleggiatrice rossoblù – la buona percentuale in ricezione ci ha permesso di esprimere al meglio il nostro gioco e i risultati si sono visti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>