La Valmex di Lucrezia si rafforza: famiglia Capodagli al 60% del gruppo e business con gli spagnoli di Orkli

di 

15 novembre 2015

LUCREZIA – La MVM Investimenti, holding di Lucrezia di Cartoceto a capo della famiglia Capodagli, si rafforza all’interno del Gruppo Valmex, salendo al 60% della proprietà. Contemporaneamente, è nata un’intesa azionaria con gli spagnoli di Orkli, che hanno acquisito il restante 40% del pacchetto.

La firma dell'accordo: a destra Patxi López Urkiola, direttore generale di Orkli, con Severino Capodagli, presidente di Valmex

La firma dell’accordo: a destra Patxi López Urkiola, direttore generale di Orkli, con Severino Capodagli, presidente di Valmex

“Questa alleanza strategica rende ancora più solide le fondamenta di Valmex – ha spiegato Severino Capodagli, presidente della spa –. Inoltre, le sinergie tra i due gruppi favoriscono lo sviluppo di soluzioni innovative, che consentiranno un’apertura a nuovi clienti e nuovi mercati”. “L’ingresso di Orkli nel capitale di Valmex – ha aggiunto – rafforzerà anche la sostenibilità dei progetti e assicurerà la continuità di quelli già in corso”.

Il Gruppo Valmex è uno dei produttori più importanti a livello mondiale di scambiatori di calore per il settore idrotermosanitario e vanta una notevole presenza sul mercato dei condensatori per il settore del raffreddamento e della climatizzazione. Fondato nel 1969, ha 200 addetti e un fatturato che, lo scorso anno, si è attestato intorno ai 50 milioni di euro, equamente divisi tra mercato italiano e estero; il trend del 2015 è di crescita, in linea con il piano industriale, che prevede un aumento dell’attività commerciale del 50% entro il 2019.

L’operazione con il gruppo spagnolo è stata condotta dal dott. Massimo Gualandri (Sofimar srl) con il contributo per la parte legale dell’avvocato Lorenzo Bacciardi (Studio Bacciardi & Partners).

“Quella con Orkli è un’opportunità che dà sostegno ai nostri progetti e ci consente di accelerare nello sviluppo del nostro piano industriale, con l’obiettivo di diventare leader nella produzione di scambiatori ad alta efficienza, così come lo siamo già nel segmento della standard efficency – ha dichiarato Lorenzo Cantarini, direttore generale di Valmex – L’asse tra i due gruppi, infatti, darà un’ulteriore spinta a progetti di innovazione in un’ottica di internazionalizzazione attiva, capace di impiegare la creatività e la capacità del nostro capitale umano per la conquista di nuovi mercati”.

Fondata nel 1982, Orkli ha sede a Ordizia (Gipuzkoa), ha un organico di 900 addetti e un fatturato che supera i 150 milioni di euro all’anno. La sua attività principale è strutturata sulla base di tre unità commerciali: sicurezza termoelettrica, riscaldamento e produzione di acqua calda. Esporta più dell’80% della sua produzione e, attualmente, dispone di impianti di produzione in Spagna, Cina e Brasile.

Con l’ingresso in Valmex, Orkli consolida la propria posizione nel settore e si converte in un riferimento internazionale per quel che riguarda la fabbricazione di bruciatori e componentistica per caldaie.

Secondo Patxi López Urkiola, direttore generale di Orkli, “con questa acquisizione ci configuriamo definitivamente come fornitori a tutto tondo con una visione internazionale e la capacità di rispondere a tutte le necessità dei nostri clienti. Si tratta di un’operazione stimolante, che ci convertirà in uno degli attori più importanti del settore e ci consentirà di crescere come compagnia e rafforzare il carattere innovativo di Orkli”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>