Il testamento di Maria Pia Gennari: lascia la casa di via Canale a “L’Imprevisto” per il reinserimento femminile

di 

18 novembre 2015

PESARO – Il lascito materiale di Maria Pia Gennari alla città appare il paradigma della sua eredità morale: «E’ un regalo enorme, di cui mi ha informato nei giorni scorsi Emanuela Scavolini. Lì dentro ritroviamo tutto quello che è stata. Un’esistenza dedicata agli altri e ai più deboli», dice il sindaco Matteo Ricci, davanti all’abbraccio collettivo di amici e parenti. Aggiungendo: «Ha amato la vita fino all’ultimo, aveva la luce negli occhi. Come l’ultima volta che l’ho vista, alla festa dei fiori in piazza». Rende noto il cugino Enrico, esecutore delle volontà testamentarie: «Le disposizioni di Maria Pia? Lascia la sua casa di via Canale e le sue sostanze alla cooperativa L’Imprevisto». Con specifica destinazione alla «comunità femminile di reinserimento».

Maria Pia Gennari

Maria Pia Gennari

Una scelta di campo netta, «tanto più che, se per qualche ragione l’attività della cooperativa dovesse cessare, secondo le sue volontà il tutto transiterà al Ceis, mantenendo inalterata la finalità. Con l’ulteriore precisazione di escludere la vendita dell’immobile. Citando le sue parole, ha espresso anche così ‘la fiducia nei giovani; il servizio alla città; la fede che abbraccia tutto e fa sperare nel mondo’». Proseguire su quel solco è l’augurio di don Giorgio Giorgetti alle anime istituzionali e alle espressioni della città, ricordando «serietà dell’impegno e precisione della conoscenza», nel personaggio guidato da «religiosa motivazione e da laica espressione».

Mentre per il fondatore della comunità L’Imprevisto, Silvio Cattarina, «il lascito è una grazia improvvisa e responsabilizzante: ci siamo sentiti piccoli davanti a una cosa grande. Ora speriamo di essere degni. Ma l’eredità reale è davvero la sua persona. Ha aggregato intorno a sé tanto e tanti. Invitava ad essere, a credere, a ripartire. Anche dai giovani, con slancio ardente». La chiosa è dell’assessore Giuliana Ceccarelli: «L’ho conosciuta quando eravamo ventenni. Dentro la scuola ha portato sapienza e cultura. Non c’era momento in cui non parlava dei suoi studenti. E dopo il suo impegno amministrativo tornò a insegnare».

Un commento to “Il testamento di Maria Pia Gennari: lascia la casa di via Canale a “L’Imprevisto” per il reinserimento femminile”

  1. Martina scrive:

    Riposa in pace grande donna

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>