Rossini Ameno, ecco un altro sonetto tradotto dal dialetto pesarese

di 

24 novembre 2015

Rossini Ameno

Rossini Ameno

ROSSINI AMENO

Sonetti in dialetto pesarese, di Alessandro Procacci
Libera traduzione in italiano di Stefano Giampaoli

Prosegue la traduzione dei sonetti in dialetto pesarese che Alessandro Procacci ha raccolto nel libretto intitolato “Rossini Ameno”. Ecco il dodicesimo sonetto tradotto:

XVII

S’arconta che Rossini l’assisteva
(Si racconta che Rossini stesse assistendo)
‘na sera, ma ‘na prova generel
(una sera, a una prova generale)
e ogni tant, cum’ era naturel,
(e ogni tanto, com’era naturale,)
ma i sonador i su’ consilli el deva.
(ai suonatori suoi consigli dava.)

Dop d’un bel pezz ch’l’orchestra la soneva
(Dopo di un bel pezzo che l’orchestra suonava)
e a dì la verità l’an giva mel
( – e a dire la verità non andava male)
e Rossini en parleva -, in tel più bel
(e Rossini non parlava -, nel più bello)
entra in funzion un « corne » che ‘l stoneva.
(entra in funzione un “corno” che stonava.)

El Maestre un cuncen l’ha tollered
(Il Maestro per un po’ l’ha tollerato)
pó ‘1 s’alzà só: – Chi è quel disgraziato
(poi si alza su: -Chi è quel disgraziato)
che suona il corno? – el dic tutt arrabied,
(che suona il corno? – dice tutto arrabbiato,)

– i sonador i resta senza fied –
(i suonatori rimangono senza fiato)
– Mandatemelo via che m’ha straziato!
(- Mandatelo via che mi ha straziato!)
L’era el pedre che, zitt, el s’è squajed.
(Era il padre che, zitto, si è squagliato.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>