L’Annunciazione di Orazio Gentileschi arriva a Palazzo Ducale di Urbino

di 

28 novembre 2015

L'Annunciazione di Orazio Gentileschi

L’Annunciazione di Orazio Gentileschi

URBINO – Un nuovo quadro, un prestito arriverà a breva nella Galleria Nazionale delle Marche che ha sede nel palazzo Ducale di Urbino. Si tratta dell’Annunciazione di Orazio Lomi conosciuto come Gentileschi. Un’olio su tela del 1623 dipinto a Genova, di 289 centimetri per 198, che donò a Carlo Emanuele I di Savoia, con la speranza di divenire pittore di Corte. L’opera per il professor Paolucci è da considerarsi tra le massime testimonianze dell’arte dell’Annunciazione. La tela giungerà nei prossimi giorni ad Urbino dalla Galleria Sabauda di Torino.

Giorgia Muratori durante la presentazione del prestito

Giorgia Muratori durante la presentazione del prestito

“E’ da considerarsi la prima e vera cooperazione trai i 20 musei più importanti di’Italia dopo la riforma del Mibact”, spiega Giorgia Muratori, segretario regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo delle Marche, che continua: “In attesa dell’insediamento del nuovo direttore che avverrà martedì primo dicembre, mi sono trovata a ricoprire un ruolo molto importante, ma in periodo nel quale i presiti erano solo in uscita e da lì ho pensato di contattare qualche collega per un prestito in entrata. Il segretario regionale per il Piemonte Benedetto Luigi Compagnoni ha accettato”.

I due segretari si sono detti entusiasti dell’operazione, “perché noi spesso siamo visti come freddi burocrati, ma invece amiamo il bello e l’arte, sicuri che sia un’iniziativa che farà luce nel mondo mussale e che arricchirà tutti i visitatori”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>