Che peccato myCicero: 1-3 a Olbia giocando alla pari

di 

29 novembre 2015

ENTU OLBIA – MYCICERO PESARO 3-1 (25-16; 25-23; 16-25; 26-24)
ENTU OLBIA: Valpiani, Vilcu 6, Correa 6, Brussa 28, Camarda 13, Rebora 10; Degortes (L), Gili 1, Giuliani. N.e.: Carboni, Fezzi, Dettori. All. Iosi
MYCICERO PESARO: Bordignon 9, Mastrodicasa 11, Di Iulio 1, Liliom 21, Sestini 8, Mezzasoma 16; Zannini (L), M’Bra, Arciprete 4, Gennari. N.e.: Di Marino. All. Bertini
ARBITRI: Carcione e Moratti
Entu Olbia: battute sbagliate 8; battute vincenti 2; ricezione 62% (prf. 31%); attacco 39%; errori 19; muri 7
myCicero: battute sbagliate 9; battute vincenti 1; ricezione 63% (prf. 24%); attacco 37%; errori 30; muri 9.
NOTE: partita sospesa per qualche minuto, all’inizio del secondo set, per un’interruzione di corrente.

OLBIA – Esce sconfitta da Olbia una myCicero che, nonostante l’assenza, all’ultimo minuto, di capitan Babbi per un attacco influenzale, non sembra condizionata e si gioca la partita a viso aperto. Il primo set sono le pesaresi a partire bene ma il ritorno di Brussa e compagne è violento e la myCicero non regge il colpo. Anche nel secondo Olbia sembra più in partita delle ragazze di Bertini e si porta sul 2-0. Le pesaresi, però, hanno il dono di non arrendersi mai e, grazie a un gioco di squadra corale, accorciano le distanze con un terzo set in cui sono sempre state padrone.

La quarta frazione è quella più combattuta. Si procede punto a punto praticamente per tutto il parziale: sulla sponda sarda è la Brussa a salire in cattedra (chiuderà con 28 punti il suo score finale); dall’altra parte della rete sono Liliom e Mezzasoma (finiranno con 21 punti l’ungherese, e 16 la umbra) a rispondere colpo su colpo. Sarà poi Rebora a dare il colpo finale e chiudere la contesa in favore delle padrone di casa.

Abbiamo giocato alla pari, nonostante l’assenza del nostro capitano Babbi – esordisce così coach Bertini a fine partita – Sono rammaricato solo perché non siamo abbastanza ciniche nel momento di contrattaccare. A questi livelli, la differenza la fanno i dettagli e noi, nei momenti topici della partita, abbiamo commesso qualche disattenzione di troppo. Però abbiamo dimostrato anche stasera di potercela giocare con chiunque e ciò mi fa ben sperare per il futuro”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>