Weekend di Fanoteatro con Simone Christicchi e il suo Magazzino 18

di 

7 dicembre 2015

FANO – Tre giorni di prosa al Teatro della Fortuna. Venerdì 11, sabato 12 (inizio ore 21) e domenica 13 dicembre (inizio ore 17), terzo appuntamento di FANOTEATRO, stagione di prosa dell’omonima Fondazione Teatro in collaborazione con AMAT. L’appuntamento, da non perdere, è con MAGAZZINO 18 interpretato da Simone Cristicchi, anche autore insieme con Jan Bernas, diretto da Antonio Calenda.

Simone Cristicchi

Simone Cristicchi

Artista poliedrico, Cristicchi è sempre più non solo cantante ma spesso anche attore, conduttore, scrittore, con un passato da fumettista (fu allievo del grande Jacovitti). Negli anni si è impegnato sempre di più in una scrittura ‘civile’ che ha restituito nelle canzoni, nei libri e negli spettacoli teatrali. Dalla scorsa stagione è in giro per i teatri italiani con un lavoro di grandissimo successo che racconta una delle pagine più dolorose e meno conosciute della storia italiana, quello dell’esodo giuliano dalmata. Lo spunto parte da un luogo abbandonato nel porto di Trieste, un magazzino dove sono rinchiuse le suppellettili consegnate al Servizio Esodo dai legittimi proprietari, gli italiani d’Istria, Fiume e Dalmazia, un attimo prima di abbandonare la propria terra Natale e cancellare così la propria identità in seguito al trattato di pace del 1947 con cui l’Italia perse vasti territori dell’Istria e della fascia costiera. “Sono sempre partito – racconta l’attore e cantante romano – da grandi silenzi: quelli del manicomio, delle miniere, delle guerre mondiali. Dal giorno in cui, due anni fa, attraversai il vecchio portone del Magazzino 18, sono stato ossessionato dal silenzio imbarazzante che respirai lì dentro.”

Cristicchi parte da quegli oggetti privati per riportare alla luce ogni vita che vi si nasconde: la narra schiettamente e passa dall’una all’altra cambiando registri vocali, costumi, atmosfere musicali, in una koinée di linguaggi che trasfigura il reportage storico in una forma nuova, che si può definire “musical-civile”. Nel racconto anche la difficile situazione degli italiani “rimasti” in quelle terre e quella altrettanto gravosa di chi scelse di fare il viaggio alla rovescia.

Lo spettacolo sarà punteggiato da canzoni e musiche inedite di Simone Cristicchi eseguite dal vivo, alcune delle quali insieme a 27 ragazzi del Coro di Voci Bianche Incanto di Fano preparati dal M° Francesco Santini. Le musiche di scena e gli arrangiamenti sono di Valter Sivilotti, registrate dalla FVG Mitteleuropa Orchestra. Lo spettacolo è una coproduzione Promo Music e Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

Simone Cristicchi sabato 12 dicembre alle 18 incontrerà il pubblico nel foyer del Teatro della Fortuna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>