A Urbino Ponte dell’Immacolata da tutto esaurito: 50mila turisti, 6mila ingressi a palazzo Ducale

di 

10 dicembre 2015

URBINO – Ben 50mila turisti, con oltre 6mila biglietti d’ingresso strappati a Palazzo Ducale. Questi i numeri del weekend dell’Immacolata che ha visto hotel, e bed and breakfast in overbooking per la Festa del Duca d’Inverno e non solo. Festa del Duca che per il secondo anno è in versione natalizia e i mercatini di alto artigianato di anDATA e ritorno, lunghi un chilometro, dai portici di corso Garibaldi, passando per la sala del Maniscalco e arrivare, poi, alla Data, negli ambienti che hanno ospitato il presidio Expo della provincia di Pesaro e Urbino.

“In piazza e nelle vie della città c’erano tante persone, fino a sera, e tutti turisti – esclama soddisfatta Maria Francesca Crespini, assessore al marketing territoriale e turismo del Comune di Urbino – Questo significa che, oltre ad offrire un buon “prodotto”, che replicheremo anche il 12, 13, 19, 20 dicembre e 2 e 3 gennaio, abbiamo fatto anche una buona campagna di comunicazione iniziata a giugno con la vendita di pacchetti non solo in Italia. Tra l’altro Urbino non ha portato in scena i soliti mercatini, ma una cosa diversa e ricercata”.

Non solo mercatini e festa del Duca, ma di grande attrattiva anche il presepe rinascimentale vivente, unicità tutta ducale. A richiamare persone nel periodo natalizio, oltre la tradizionale via dei presepi, la pista di pattinaggio realizzata dal Legato Albani, il luna park a Borgo Mercatale e gli spettacoli del Petit Cabaret nel particolare tendone in piazza San Francesco (Piazzetta delle Erbe) e le proposte culturali. Proposte come come la mostra, nelle Sale del Castellare, delle opere di Ilario Fioravanti, aperta lo scorso 2 dicembre e aperta fino al 22 febbraio 2016. “Gloria in Excelsis Dei” è il titolo dell’esposizione delle Natività in terracotta voluta dall’assessore alla Rivoluzione Vittorio Sgarbi, e curata dall’architetto Marisa Zattini.

“Il Presepe, un segno di dolcezza che non può dar fastidio a nessuno -esclama Vittorio Sgarbi – Fioravanti ha rappresentato il Cristianesimo come valore profondamente umano. Questa mostra molto importante ha anticipato quella che il Presidente Mattarella vuole al Quirinale. Urbino, ancora una volta, ha dato un segno veramente importante”.

A completare la mostra alcune opere di Federico Fellini, prestate dalla figlia del Maestro del cinema e alcuni lavori di Tonino Guerra concessi temporaneamente dalle Arti Grafiche La Torre di Casinina di Auditore.

A completare l’offerta natalizia ducale, all’interno del brand provinciale “Il Natale che Non Ti Aspetti”, con laboratori, spettacoli e concerti anche la gita in bicicletta per bambini in centro storico con abito di Babbo Natale fornito dall’organizzazione, e il cinema gratuito, sempre per bambini, al cinema Nuova Luce.

Tutte le informazioni sugli eventi nella pagina Facebook Sulle Tracce di Babbo Natale e sul blog comunale www.urbinonews.it.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>