Tutti gli appuntamenti del territorio aggiornati: entra e scopri cosa c’è oggi

di 

13 dicembre 2015

Da giovedì 18 a domenica 28 maggio, a Palazzo Gradari la mostra “Uomo, chi sei?” di Paolo Muratori

_OBE6842_Muratori copiaridotttaPESARO – Palazzo Gradari ospita dal 18 al 28 maggio la prima mostra antologia del pittore pesarese Paolo Muratori, artista figurativo che, ispirato dai capolavori degli Uffizi, ha incentrato la sua ricerca artistica sull’uomo.

La mostra dal titolo “Uomo, chi sei?” organizzata dalla famiglia dell’artista scomparso a ottobre 2015, con il patrocinio del Comune di Pesaro, porta alla luce per la prima volta l’importante lavoro pittorico di Paolo Muratori. Oltre 80 quadri, affiancati da pitture e miniature su legno e ceramiche che potranno essere ammirati e vissuti visitando l’esposizione al piano nobile del prestigioso palazzo.

Restio alla ribalta, Muratori, nella sua vita artistica, passa da un’arte figurativa a geometrie sempre più incalzanti per arrivare a entrare nella complessità della realtà, dell’uomo e degli oggetti che lo circondano. Tutti testimoni dei contrari che abitano l’uomo e la vita stessa e che, tuttavia, non vincono mai l’uno sull’altro ma si affiancano, incessantemente, come imprescindibili facce della stessa medaglia.

Un percorso che porta in scena la vita dell’artista e dell’uomo, non solo grazie alle sue opere ma anche attraverso i suoi schizzi, le bozze e l’atmosfera del suo studio nel quale, per tanti anni, ha lavorato e creato.

“Uomo chi sei?” inaugura giovedì 18 maggio alle ore 18.00 al piano nobile di Palazzo Gradari, con un reading dedicato all’artista e la proiezione di immagini artistiche che evocano i toni e le luci dello studio di Muratori, ma anche musiche che avvolgeranno il visitatore invitandolo ad entrare nel proprio universo simbolico.

La mostra è aperta dal 18 al 28 maggio tutti i giorni al piano nobile di Palazzo Gradari dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 20.

Venerdì 19 maggio nel Salone Metaurense il concerto celebrativo dei 30 anni dello Iopra

PESARO – Sono 30 anni che lo IOPRA Onlus (Istituto Oncologico Pesarese per la Ricerca e l’Assistenza), associazione che ha mente, cuore, braccia e gambe a Pesaro, presta assistenza socio-sanitaria domiciliare gratuita e continuativa ai malati oncologici in una gestione integrata casa-ospedale con una équipe di medici palliativisti, di terapia del dolore, infermieri, psicologo e fisioterapista.

Prefettura Salone MetaurenseNel 2016 sono stati assistiti 152 pazienti, con 88 nuovi ingressi in fase avanzata di malattia.

In occasione di questo 30° anniversario un concerto di beneficenza del Coro Filarmonico Rossini diretto dal Maestro Roberto Renili celebrerà la ricorrenza venerdì 19 Maggio alle ore 18,30 al Salone Metaurense del Palazzo Ducale in piazza del Popolo a Pesaro.

Verranno eseguite musiche di Webber, Verdi, Mozart, Rossini, Mascagni, Donizetti, Puccini; la guida all’ascolto è a cura di Maria Chiara Mazzi.

Dal 19 al 21 maggio a Urbino la Fiera del Vintage

URBINO – Nel cuore del centro storico della “culla del Rinascimento”, il fascino senza tempo dei monumenti per tre giorni sposa e si fonde con quello delle auto d’epoca, dell’abbigliamento e dell’arredamento in stile “retrò”.

E’ un ricco mercato dedicato agli articoli che hanno caratterizzato le epoche passate diventando icone di stile, ma anche una passerella su tutto ciò che dal modernariato al design, dal collezionismo al remake, sino alla moda, racconta il mutamento del Costume dagli anni ‘20 agli anni ’80, quello che Romagna Fiere porterà nel cuore di Urbino da venerdì 19 a domenica 21 maggio. “VINTAGE! La moda che vive due volte”, animerà e colorerà le centralissime piazza della Repubblica, corso Garibaldi e piazza Duca Federico con la sua accurata selezione di espositori qualificati provenienti da tutta Italia e promuovendo dalle 10 alle 24 tre giorni ricchi di spettacoli, musica ed esibizioni dal vivo.

Il tutto in una cornice resa maestosa e affascinante dalla presenza di Palazzo Ducale e dei più preziosi gioielli architettonici del Rinascimento italiano e in un fine settimana nel quale il capoluogo marchigiano sarà fulcro di grandi eventi culturali e sportivi. Venerdì 19 transiterà infatti dalla città la 90ª edizione della “MILLE MIGLIA”, corsa rievocativa che vede iscritte 440 vetture costruite tra il 1927 e il 1957 provenienti da 41 Paesi di 5 Continenti; sabato 20 è stata promossa la NOTTE DEI MUSEI che vedrà aperti il Palazzo Ducale, la Galleria Nazionale delle Marche e la mostra Rinascimento Segreto curata da Vittorio Sgarbi e per tutto il fine settimana si terranno i CAMPIONATI NAZIONALI DI GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE UISP abbinati al WEEK END GIOVANI organizzato dalle Politiche Giovanili da giovedì 18 a sabato 20.

E’ in questo prestigioso e ricco contesto che approda “VINTAGE! La moda che vive due volte”, la rassegna forte di ben 23 edizioni organizzate a Forlì che nel 2016 ha per la prima volta allargato i propri orizzonti andando ad animare Gabicce Mare e Gabicce Monte in concomitanza con la 1ª edizione di “Disco Diva”, il Festival musicale dedicato alla grande musica da discoteca degli anni ‘70 e ’80. Una manifestazione che ha riscosso grande successo e che verrà replicata anche quest’anno, dal 15 al 18 giugno.

A Urbino Romagna Fiere presenterà non solo gazebo con un’ampia selezione di capi d’abbigliamento, articoli dei settori vintage, fashion remake, collezionismo, modernariato, design, ma anche il gusto e l’intrattenimento del “Vintage Diner”, di Dj set in tutte le tre giornate, dei concerti dal vivo e degli spettacoli di danza e di Burlesque con la presenza di una diva internazionale quale Giuditta Sin.

In più sarà possibile ammirare una mostra inedita ed esclusiva dedicata alla Maison d’alta moda ROBERTA DI CAMERINO allestita a Palazzo Nuovo Albani, l’edificio della prima metà dell’800 che troneggia su piazza della Repubblica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dalla paziente e accurata ricerca di “Mai Visto”, vintage store presente a Riccione dal 1991, verranno proposti oltre 50 tra capi d’abbigliamento e accessori rappresentativi dello stile di Roberta di Camerino, al secolo Giuliana Coen Camerino, la stilista veneziana che dagli anni ’50 conquistò la ribalta mondiale con le sue creazioni facendo innamorare regine e principesse come Grace Kelly.

Premiata nel 1956 con l’Oscar della Moda, Roberta di Camerino firmò borse “senza tempo” che hanno fatto la storia della moda come le celeberrime Bagonghi. Borse iconiche che fanno respirare i profumi dell’epoca nella quale vennero confezionate, ma che sono destinate a brillare per sempre rimanendo perennemente trendy. Proprio questi accessori indispensabili nello stile di ogni donna, saranno il fulcro della mostra: borse che coprono un arco temporale ricompreso tra i primi anni ‘50 e la seconda metà degli anni ‘70, accompagnate nella retrospettiva ospitata a Palazzo Nuovo Albani dall’esposizione di foulard, coordinati, tailleur, abiti da giorno prevalentemente degli anni ’60 e tante rarità tra le quali un bollitore degli anni ‘70 griffato Roberta di Camerino e un prezioso portacucito in velluto.

Domenica 21 maggio, a Pesaro, la maratona di fotografia “Strafotografica”

PESARO – Domenica 21 maggio debutta la Strafotografica. Una nuova ed originale iniziativa, organizzata dall’associazione Ciclon Pesaro, con il patrocinio del Comune.

foto (5)E’ pensata per gli appassionati di fotografia e non solo. Possono infatti partecipare tutti coloro che sono in grado di produrre fotografie, con uno smartphone oppure una macchina fotografica. Sarà una maratona fotografia alla ricerca di soggetti da fotografare indicati dagli organizzatori. Ci si muoverà solo a piedi, in centro e al mare.

In palio fantastici premi tra cui 3 soggiorni “tutto Incluso” per due persone in resort sul mare, nella Repubblica Dominicana e in Kenya, articoli sportivi, cene, prodotti del territorio e tanto altro (sul sito www.strafotografica.it tutti i premi).

La giornata promette di essere davvero coinvolgente. L’ appuntamento per la partenza è a piazzale della Libertà alle ore 14; termine ultimo per la consegna delle foto sono le ore 20 al locale What’s di viale Trieste. E’ possibile scegliere tra due diverse categorie: Velocità  da svolgersi in coppia che premia il maggior numero di obiettivi raggiunti tra quelli consegnati all’iscrizione (50 in totale). Qualità da svolgersi in coppia o anche singolarmente, che vuole valorizzare appunto la qualità degli scatti (7 obiettivi da fotografare, selezionati tra i 50 della velocità). A valutare quest’ultima una giuria composta da rappresentanti del direttivo dell’associazione Ciclon Pesaro, da fotografi professionisti: Massimo Marchesi di Foto Nuova, Luca Toni e Solidea Vitali.

Un premio speciale per le foto postate sul social Instagram, con l’hashtag  strafotografica e un hashtag che sarà svelato il giorno stesso dell’appuntamento. Quest’ultimo sarà il tema,  rispetto al quale sarà selezionato lo scatto più originale tra quelli pubblicati (per partecipare è necessario un account Instagram).

Al termine sarà offerto ai partecipanti un buffet. Protagonista sarà la città e tutta la sua bellezza. Le più belle foto della Strafotografica saranno utilizzate per promuovere Pesaro sui canali social del Comune e dell’associazione Ciclon Pesaro.

Ci si può iscriversi (è prevista una quota di iscrizione) sul sito www.strafotografica.it, su eventbrite.com, il giorno dell’evento oppure compilando i moduli disponibili nei due punti vendita affiliati:

Tipico.Tips via Rossini 41  tel. 0721 34121

Ferramenta Pazzaglia via del Monaco 2/4 tel. 0721 258033

Quote  iscrizione:
velocità e qualità: in coppia 12,50 a persona; qualità 17,5 a persona

Ai partecipanti  verranno consegnate la t-shirt ufficiale dell’evento, un kit con gadget (fino ad esaurimento scorte), la tessera annuale dell’associazione Ciclon Pesaro. Il regolamento su www.strafotografica.it

Lunedì 22 maggio a Villa Cattani Stuart, il Festival Franciacorta

PESARO – Saranno gli splendidi giardini e le bellissime sale di Villa Cattani Stuart di Pesaro ad ospitare, lunedì 22 maggio, la seconda tappa italiana dei Festival itinerante di quest’anno, organizzato dal Consorzio Franciacorta con il patrocinio del comune di Pesaro. I produttori franciacortini, seppure in trasferta, non potranno che sentirsi a casa in questa città simbolo dell’enogastronomia marchigiana, scelta proprio per la sensibilità culinaria ed enoica dei suoi cittadini, che da vari anni dimostrano grande considerazione verso la qualità dei vini Franciacorta.

P1320560ridottaCome di consueto, i banchi d’ assaggio saranno accessibili per la stampa e gli operatori nel pomeriggio, con la possibilità di partecipare ad un interessante seminario di degustazione dedicato al Satèn e alle diverse interpretazioni di questa tipologia unicamente prodotta in Franciacorta. Dalle 18.00 anche l’apertura al pubblico e l’appuntamento ad una divertente degustazione dal titolo “indovina chi?”, durante la quale i partecipanti si sfideranno nel riconoscere le peculiarità delle varie tipologie.

“Non siamo terra di Franciacorta ma abbiamo in comune con il consorzio l’attenzione alla qualità, di vita, dei prodotti, della nostra offerta turistica – ha sottolineato Luca Bartolucci assessore al Dialogo del comune di Pesaro con delega alle attività economiche – e su questa abbiamo deciso di puntare per cercare risposte alla crisi del manifatturiero”. “Un mese fa – ha aggiunto Bartolucci – a Pesaro si è infatti svolto il PesaroWineFestival, l’evento dedicato ai vini locali e nazionali, che testimonia appunto la nostra volontà di aprirci alle eccellenze.”

“Ogni anno scegliamo due o tre città della provincia, punte di diamante per storia, monumenti, personaggi famosi – ha dichiarato Giuseppe Salvioni Amministratore Delegato del Consorzio Franciacorta – dove organizzare il nostro festival. Quest’anno abbiamo scelto Pesaro e Mantova proprio per le loro caratteristiche di eccellenza, ricchezza di storia e cultura.”
Per esperti e appassionati, per operatori del settore e curiosi, sarà un’occasione speciale per conoscere e approfondire il gusto del Franciacorta, declinato nelle sue diverse sfumature. Con l’aiuto dei produttori delle cantine partecipanti, i visitatori saranno guidati alla scoperta delle varie etichette, dei segreti alla base della loro realizzazione e del loro territorio di appartenenza.

Festival Franciacorta a Pesaro c/o Villa Cattani Stuart – Via Trebbiantico, 67 Pesaro

Dalle 16.00 alle 18.00 – Ingresso riservato a stampa e operatori, con banchi d’assaggio. (E’ consentito un solo ingresso gratuito per singola attività commerciale). Accredito stampa a: stampa@franciacorta.net
Dalle 16.30 – Seminario di degustazione “Franciacorta Satèn: diverse interpretazioni della tipologia unica prodotta in Franciacorta”

Dalle 18.00 alle 21.30 – Apertura al pubblico. I biglietti sono disponibili in prevendita sul sito http://franciacorta.eventbrite.it al costo di € 20,00. Biglietto d’ingresso ridotto per soci AIS, FISAR,

Fondazione Italiana Sommelier, ONAV, Slow Food € 15,00.
Dalle 18.30 – Seminario di degustazione “Indovina Chi? Degustazione alla scoperta delle diverse tipologie di Franciacorta”

Le 37 cantine presenti: 1701 – Abrami Elisabetta – Azienda Agricola Fratelli Berlucchi – Barone Pizzini – Berlucchi Guido – Bersi Serlini – Biondelli – Borgo la Gallinaccia – Bosio – Ca’ del Bosco – Ca’ d’Or – Cantina Chiara Ziliani – Castello di Gussago la Santissima – Corte Aura – Faccoli Lorenzo – Ferghettina – Franca Contea – La Montina – Lantieri de Paratico – La Rotonda – La Torre – Laudavit – Lo Sparviere – Marchese Antinori Tenuta Montenisa – Mirabella – Monte Rossa – Mosnel –Quadra – Ricci Curbastro – Ronco Calino – Santus – Solive – Tenuta Montedelma – Uberti – Vezzoli Giuseppe – Villa Crespia Muratori – Villa Franciacorta.

Fino a domenica 11 giugno, City Lego in mostra al Centro Arti Visive Pescheria

PESARO – City Lego®, la più grande città al mondo costruita nei minimi dettagli con 7 milioni dei famosi mattoncini LEGO©, dopo essere stata esposta nella capitale, arriva a Pesaro  e si potrà ammirare al Centro Arti Visive Pescheria dall‘8 aprile fino all’11 giugno 2017.

©GiuliaFedel_CityLego®OSPEDALE_IMG_0585bIdeata da LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da Kornice con la collaborazione di Giuliamaria Dotto, e organizzata a Pesaro dal Comune/Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo, la mostra presenta un grandioso diorama di 15 metri per 4, ospitato nello spazio ottagonale della ex chiesa del Suffragio e introdotto da gigantografie a tema Lego, allestite nel Loggiato. A disposizione inoltre un’area ludica dove tutti potranno fermarsi e divertirsi con i mattoncini e dove ogni domenica si svolgeranno laboratori didattici.

City Lego® è il frutto della fantasia di Wilmer Archiutti, fondatore del LAB, laboratorio creativo di Roncade, in provincia di Treviso, nato allo scopo di realizzare forme e architetture di Lego, uniche e irripetibili. I celebri mattoncini-giocattolo vengono assemblati con cura certosina e uno dei giochi più creativi di sempre si è trasformato in un vero e proprio “mestiere”, grazie alla squadra di bricks addicted, specializzati nella creazione di scenografie incredibili. Un progetto che prende il nome di City Booming e che è il risultato di circa un anno di lavoro, iniziato nel 2012, con i pezzi provenienti dalla collezione di Wilmer, raccolta in 40 anni di passione.

Lo stesso gruppo LAB è rappresentato nel diorama dove si può vedere lo staff impegnato nella realizzazione di nuove costruzioni. Una città vera e funzionante, con il centro commerciale, la fioreria, la pasticceria, il negozio di giocattoli, il negozio di animali, cinema e pinacoteche, e ancora, il quartiere residenziale con il barbiere e l’investigatore privato intento a consultare le mappe con la lente d’ingrandimento.

Sono ricostruite persino le vite private negli appartamenti, arredati e illuminati, nei quali, ad esempio, padre e figlio si preparano da mangiare mentre qualcuno si rilassa nella vasca a idromassaggio o si prepara un caffè in cucina.

In questa fantastica città ci sono inoltre tantissimi personaggi famosi inseriti appositamente per focalizzare l’attenzione su alcuni dettagli del diorama: supereroi quali Batman, Wonder Woman, Spiderman, Hulk e molti altri si mescoleranno tra la folla ed è un incentivo a riconoscere momenti noti, ad esempio, l’arrivo alla prima di un film americano con tanto di red carpet calcato dai divi del jet set internazionale come Sean Connery.

Dal centro pulsante ai numerosi particolari naturalistici, i più disparati scenari convivono permettendo al visitatore di ammirare le competenze artistiche e i virtuosismi costruttivi.

©GiuliaFedel_RESIDENZE_IMG_0847bUna esperienza unica nel suo genere che riunisce il lato ludico al lato artistico rivolgendosi non solo ai più piccoli ma anche agli appassionati, ai curiosi e a tutti coloro che amano ampliare i loro orizzonti: la presenza di video e immagini dell’interno delle costruzioni, permette infatti al pubblico di avere una percezione reale e tecnica di quanto è nascosto dietro ogni singola riproduzione. Si possono ammirare i sistemi di automazione e illuminazione, gru, elevatori e i meccanismi che fanno funzionare per esempio il treno o la coloratissima ruota panoramica all’interno di un Luna Park.

Quando, nel lontano 1932, l’olandese Ole Kirk Christiansen ebbe l’idea di creare i colorati mattoncini con cui sperava di intrattenere qualche bambino, non poteva di certo immaginare che stava dando forma a uno dei successi più clamorosi di tutti i tempi: capace di vincere latitudini ed ere, gli ormai celebri mattoncini, da giocattoli comuni sono entrati a far parte dell’immaginario collettivo fino a essere considerati “opere d’arte”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>