Il Comitato a difesa dei diritti: “sostegno ai sindaci che difendono la salute dei cittadini”

di 

18 dicembre 2015

Comitato a difesa dei diritti – Comitatinrete
FOSSOMBRONE – Abbiamo invitato,con lettera aperta, i Sindaci dei comuni della nostra provincia  di respingere con forza e determinazione la “riforma” sanitaria proposta dalla Regione Marche, durante la Conferenza dei Sindaci dell’Area Vasta 1 che si è tenuta  nella giornata di Mercoledì 16 Dicembre. Tutti i Sindaci partecipanti hanno votato contro le proposte della Regione, nella fattispecie il piano di riordino delle reti cliniche, e di conseguenza contro la chiusura degli ospedali dell’entroterra.
Purtroppo, in tale conferenza erano presenti solo 24 Sindaci dei 59 di tutta la provincia.
Tra le numerose assenze. spicca proprio quella del Sindaco di Fossombrone, al quale evidentemente non interessa minimamente nulla di difendere l’ospedale e i servizi sanitari del proprio comune. Non si è degnato di mandare un suo delegato alla Conferenza di cui sopra, sede istituzionale in cui i primi cittadini hanno il dovere di presentarsi e difendere i propri territori.
Inoltre, riscontriamo anche che tra le assenza ci siano i Sindaci di Fano e Pesaro, i quali essendo forse abituati a incontrarsi e prendere decisioni nelle segrete stanze, hanno la pretesa di decidere il destino della sanità di un’intera provincia, considerando di fatto noi residenti dell’entroterra cittadini di serie B. A tale comportamento politicamente indegno, rispondiamo che non gli permetteremo di fare il bello e il cattivo tempo su un temo così importante come la nostra salute e che come sempre ci difenderemo con ogni mezzo.
Infine, ricordiamo e invitiamo a partecipare all’incontro/dibattito che si terrà Venerdì 15 Gennaio p.v. presso la Grotta di Sant’Agostino a Fossombrone, dove intendiamo aprire con tutte le associazioni e i cittadini di Fossombrone e comuni limitrofi un confronto aperto sullo stato della situazione, per valutare tutte le soluzioni possibili atte a difendere il nostro diritto alla salute e senza lasciare soli i Sindaci che si battono contro la Regione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>