Scorie da derby, la Vecchia guardia: “Meritiamo rispetto. Ancora due giornate per il nostro sostegno”

di 

21 dicembre 2015

PESARO – Scorie da derby. Dopo la sconfitta, l’ennesima, contro il Fano, i tifosi della Vecchia guardia hanno emesso un comunicato di denuncia, scaturito dalla partita in sé ma anche dalle dichiarazioni del presidente Claudio Pandolfi durante una trasmissione televisiva:

Vis-Sambenedettese“La VECCHIA GUARDIA 1979 comunica quanto segue:

Ricordiamo al signor Pandolfi, attuale copresidente della Vis Pesaro 1898, di rispettare i tifosi e di non lamentarsi di avere 110 paganti ricordandogli anche dei 306 abbonati, dei 400 di ieri a Fano e delle tante trasferte in ogni parte d’Italia a spese nostre, nonostante due anni di sofferenze per una classifica da ultimi posti. RISPETTO.

Comunica anche che non sarà presente alla cena per gli auguri di Natale di martedì 22, tutto ciò dovuto dal fatto di aver perso l’ennesimo derby e di non essere sulla stessa linea d’onda della società che è intenzionata ancora a dare fiducia a mister Pazzaglia. Prendiamo atto di ciò, dando ancora tempo due giornate – le gare di Montegranaro con la Folgore Veregra e quella con l’Isernia in casa – per cambiare rotta. Se perdurassero i risultati negativi dopo queste due partite, ognuno si prenderà le proprie responsabilità”.

Firmato V.G.1979

2 Commenti to “Scorie da derby, la Vecchia guardia: “Meritiamo rispetto. Ancora due giornate per il nostro sostegno””

  1. Vecchio Stampo scrive:

    Solita storia dell’anno scorso: continuamo a tenere un allenatore fino all’esasperazione (Bonvini è stato mandato via a febbraio, Pazzaglia mangerà panettone e colomba pasquale), per colpa di due piccoli imprenditori che meriterebbero solo di fare i presidenti di una squadra di quartiere, visto che hanno affidato la Vis Pesaro ad un pompiere ed un carrozziere.

    Pochi spettatori Pandolfi? Fanne uno di meno: vendi e stai a casa la domenica.

    Questa Vis è sempre più una barzelletta, però ora la gente è davvero al limite

  2. pinco pallino scrive:

    Diamo atto alla società che ce la sta mettendo tutta, rispetto alla dittatura precedente, certificata con una retrocessione indegna, è grasso che cola. Il mister non è all’altezza? Può essere. Ma anche i giocatori ora non hanno più scuse. Da questi pretendiamo impegno e GRINTA, cosa che domenica non si è vista. È finita la pazienza anche per loro, basta applausi sempre e comunque. Dobbiamo salvarci, poi il prossimo anno occorrerà pensare di inserire gente “professionale” nei ruoli chiave (DS, DG ecc..). La storia dei paganti è ridicola, Macerata che vola verso la B e reduce da 2 anni di successi domenica ha fatto 1500 spettatori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>