Sanità, partecipatissima Conferenza di Area vasta con ordine del giorno approvato

di 

9 gennaio 2016

URBINO – Una lunga mattinata quella di oggi nella sala Serpieri di collegio Raffaello per l’assemblea di Area Vasta. Per la prima volta forte la partecipazione, tre gli assenti dei 59 comuni provinciali solo Tavoleto, Vallefoglia e Mercatino Conca.

Confronti tra i primi cittadini per dire no a un piano sanitario che a pochi giorni dall’entrata in vigore ha già fatto notare numerose falle. Nella giornata di ieri l’ospedale di Urbino ha dovuto redistribuire circa 20 pazienti per mancanza di posti letto. E lo ha dovuto fare facendo affidamento sugli ospedali di Cagli e Sassocorvaro che, assieme a Fossombrone, dal primo gennaio non dispongono più di posti per la lungodegenza e del reparto di medicina generale, sfiorando così l’attuazione del Peimaf, il piano che si attiva in caso di catastrofi.

Altro caso raccontato dai primi cittadini porta a San Sisto, a circa 50 minuti dall’ospedale di riferimento che sarebbe Urbino. Un paziente anziano si reca al pronto soccorso, diagnosi: principio di polmonite e la notizia che non c’è posto nel nosocomio ducale, quindi va trasferito all’ospedale di Pergola. Il paziente però non ha la possibilità di raggiungere la cittadina con mezzi propri o pubblici e non viene fornita l’ambulanza. Questa storia termina con la firma di dimissione da parte del paziente con relativo aggravamento di salute nella notte che lo costringe al ricovero il giorno seguente.

Soddisfatto il presidente della conferenza Maurizio Gambini, per essere arrivati a una così forte partecipazione e per il risultato raggiunto a fine giornata:

Allegato “C” al verbale Conferenza dei Sindaci Area Vasta del 09 gennaio 2016

Ordine del Giorno

In linea con quanto è emerso nelle ultimi Conferenze dei Sindaci di Area Vasta

Si chiede alla Regione Marche

1 – di Revocare le Delibere di Giunta Regionale n. 735/2013, n. 991/2015 e n. 1183/2015 nonchè delle determinazioni dirigenziali n. 913/2015, n. 914/2015, n. 915/2015 e n. 916/2015

2 – di dare applicazione al Decreto Balduzzi per le aree disagiate

impegna

il Presidente a convocare un incontro urgente con il Presidente della Regione Marche al fine di:

recepire tali proposte

discutere e modificare il Piano Sanitario Regionale in tutte le sue formulazioni al fine di tutelare tutti i territori. Ecco l’Ordine del giorno della conferenza di area vasta approvato all’unanimità.

La soddisfazione del risultato da tutte le parti, specie da quelle più colpite dalle decisioni prese in Ancona sulla sanità dell’entroterra. Dopo la votazione unanime, il commento di Francesco Baldelli, sindaco di Pergola, che rimarca la necessità di proseguire su questa linea per garantire un giusto diritto alla salute e vigilare su possibili sorprese che porterebbero arrivare nei prossimi mesi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un commento to “Sanità, partecipatissima Conferenza di Area vasta con ordine del giorno approvato”

  1. Esiste sicuramente la necessità di proseguire su questa linea per garantire un giusto diritto alla salute anche nell’entroterra pesarese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>