Pesaro International Tattoo Expo: la città di Rossini pronta all’assalto per una kermesse unica in Italia dedicata a tatuaggi, graffiti e non solo

di 

11 gennaio 2016

Pesaro International Tattoo Expo, la conferenza stampa di presentazione

Pesaro International Tattoo Expo, la conferenza stampa di presentazione

PESARO – Non una manifestazione qualsiasi, ma una kermesse che vuole diventare punto di riferimento nazionale e internazionale su un settore molto più importante di quanto molti pensano. Pesaro International Tattoo Expo, evento che si terrà al quartiere fieristico di Campanara il 15, 16 e 17 gennaio – cioè venerdì, sabato e domenica prossimi – vedrà l’arrivo nella patria di Rossini di 130 tatuatori selezionati provenienti da ogni dove, sia dall’Italia che dall’estero.

Lo ha spiegato stamane, in conferenza stampa, Antonella Zaccarelli di I2R, l’organizzatrice, che ha citato Obama: “We have a dream. Dopo nove mesi di gestazione, vogliamo creare una manifestazione che possa diventare di riferimento a livello italiano, anche perché nel nostro Paese, kermesse come questa, non si sono mai viste”.

Il riferimento è al fatto che Pesaro International Tattoo Expo non è una “semplice” fiera di tatuaggi. Sarà una tre giorni in cui il mondo dei tatuaggi s’intreccerà con quello dei graffiti, della musica e del parkour, spettacolare disciplina metropolitana che consiste nell’eseguire un percorso superando diversi ostacoli con la maggior efficienza di movimento possibile. E poi ancora arte e cibo di strada per un appuntamento che richiamerà migliaia di persone da ogni parte d’Italia.

“I tatuatori selezionati mostreranno diverse tecniche innovative – ha continuato Zaccarelli – Erano arrivate 859 richieste di partecipazione da parte di studi da ogni dove, da cui ne sono state scelti 130 di cui 80 italiani. Avremo un’affluenza esterna altissima, tant’è che le agende dei tatuatori sono strapiene di persone che si sono prenotate sul sito internet di riferimento”.

“Vogliamo far ricredere il popolo italiano sul nostro mondo, sempre considerato ai margini della società – le ha fatto eco Salvatore Pistillo, il tatuatore con studio a Urbino che ha curato tutta la parte relativa ai tattoo – Vogliamo sfatare il mito che sia solo una moda, facendo capire che alla base ci sono profondissime conoscenze culturali e antropologiche. Vogliamo rafforzare il messaggio di cultura insito nel tatuaggio, che non è un semplice segno sul corpo”.

Tatuatori che saranno posizionati su due padiglioni e una galleria del quartiere fieristico di Campanara, in un’area di 40mila metri quadrati. Gli altri spazi ospiteranno la velocità e lo stile dei maestri del parkour, ma anche spettacoli curati dal famoso scenografo Luciano Melandri. Nella galleria K nomi altisonanti del mondo dei writer daranno vita a due contest differenti, l’uno inerente il tema della felicità tanto caro al sindaco di Pesaro. E poi ancora street food, con colori e sapori imperdibili per gli amanti di patatine, hot dog ma non solo.

“Sono convinto che la Fiera di Pesaro verrà presa d’assalto – ha detto stamane, nella sala rossa del Comune di Pesaro, Alfredo Mietti, presidente della fondazione Patrimonio Fiere – Pesaro International Tattoo Expo è un evento non destinato a una nicchia ma a intere generazioni. Una manifestazione che può dare impulso al tessuto economico cittadino. L’applauso di tutti deve andare ad Antonella Zaccarelli per il coraggio dimostrato”.

Mila Della Dora, assessore comunale al Benessere, ha benedetto l’unicità dell’evento pesarese, “che porterà molti giovani della nostra città a rimanere qui invece che andar fuori”. “E poi noi siamo partiti già da diverso tempo con Pesaro Urban Graffiti, per avere una mostra a cielo aperto che riqualifichi le zone grigie della città”.

“Complimenti al coraggio di questa iniziativa – ha continuato Antonello Delle Noci, assessore alla Gestione – Pistillo ricordava come la cultura italiana non permetta quasi mai di approfondire un settore come questo, mentre i tatuaggi raccontano la storia un po’ come i fossili, visto che per le prime testimonianze dobbiamo andare indietro di 5.000 anni. Spettacoli, musica e cibo racconteranno la modernità del messaggio”.

Ultimo, ma non ultimo, Matteo Ricci, il sindaco, che ha promesso la partecipazione all’inaugurazione di venerdì 15 alle ore 16: “Pesaro International Tattoo Expo è un evento molto importante per una serie di motivi. Nell’ultimo anno abbiamo cambiato in maniera netta la vivacità della nostra città, divenuta molto più attraente. C’è ancora molto da fare, comunicando di più e meglio, ma è innegabile che abbiamo portato molte più persone rispetto al passato. Siamo sulla strada giusta ma la città deve attrarre tutto l’anno. Dopo gli eventi estivi e natalizi, ben vengano manifestazioni come queste in un mese come gennaio che, al pari di febbraio, notoriamente è un po’ più fiacco. Vogliamo attrarre i pesaresi ma soprattutto portare sempre più gente da fuori”.

Ulteriori info su www.pesarointernationaltattooexpo.com. Scarica il Comunicato stampa del Pesaro International Tattoo Expo.

pesaro internationa tatoo expo 515x60

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>