Banca Marche, la maggioranza chiede una commissione d’inchiesta. Busilacchi (Pd): “Serve chiarezza per tutelare i risparmiatori”

di 

12 gennaio 2016

Banca Marche

Banca Marche

ANCONA – Costituire una Commissione di inchiesta sulla vicenda Banca Marche che in breve tempo sappia fornire informazioni utili a prendere decisioni efficaci, per tutelare il sistema creditizio del territorio e ridare fiducia al sistema economico. È la richiesta che i consiglieri regionali di maggioranza hanno presentato oggi all’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea legislativa delle Marche. L’obiettivo è acquisire gli elementi necessari a far piena luce sulle ragioni che hanno portato l’Istituto Banca Marche ad accumulare le pesanti perdite che hanno danneggiato gli investitori e la comunità marchigiana. Proprio sulla base di tali delucidazioni, che saranno ricondotte nella relazione finale della Commissione, una risoluzione presentata oggi a firma del Presidente del Gruppo PD, Gianluca Busilacchi e sottoscritta dalla maggioranza, impegna il Presidente Ceriscioli a valutare insieme all’Assemblea legislativa le azioni più efficaci da intraprendere.

“La Regione ha necessità di conoscere e capire le dinamiche che hanno portato Banca Marche in amministrazione straordinaria e le relative responsabilità – ha detto il presidente del Gruppo PD Gianluca Busilacchi, nel suo intervento in aula – Lo deve non solo ai 40mila azionisti dell’istituto di credito che hanno visto azzerarsi il valore delle proprie azioni e obbligazioni subordinate, ma a tutti i cittadini marchigiani. Dobbiamo svolgere il nostro ruolo anche nell’acquisizione delle informazioni prima di prendere decisioni”.

“La nostra risoluzione – ha aggiunto Busilacchi – è aperta ed estesa anche a tutte le forze dell’opposizione. Questo, infatti, è un tema importante su cui siamo intervenuti ripetutamente in questa aula; lo stesso Presidente Ceriscioli ha riferito più volte comunicazioni sull’argomento e abbiamo anche chiesto, in fase di approvazione di bilancio, che la Giunta regionale si costituisca parte civile in questa vicenda”.

La risoluzione presentata dalla maggioranza evidenzia come, ad oggi, non sono del tutto chiari gli esiti effettivi dei controlli attivati dagli organismi preposti alla vigilanza sulle attività bancarie e se, a seguito degli stessi, siano state adottate misure adeguate alla gravità della situazione. “Ci siamo chiesti – ha detto ancora il capogruppo PD – quale sia stato il ruolo di Banca Italia dal punto di vista della vigilanza e crediamo sia doveroso verificarne il livello di efficacia. Vogliamo anche sapere perché alcuni provvedimenti siano stati presi così in ritardo, se non potevano essere assunti precedentemente, anche prima di spendere quattro milioni di euro in consulenze. E chiarezza sulla scelta che ha portato una svalutazione delle sofferenze bancarie all’82% anziché al 60-65%, come in altri casi”.

“L’auspicio – ha, quindi, concluso il capogruppo PD – è che si risolva il tema della tutela del risparmio e si risollevi il sistema del credito, che in questi anni vive una mutazione genetica, che ha portato le banche ad allontanarsi dal loro ruolo originario, un ruolo di vicinanza al territorio e di spinta al suo sviluppo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>