A Stazione Gauss la mostra Sogni Ancestrali di “Fatt”

di 

13 gennaio 2016

PESARO – Stazione Gauss – Art Zone presenta la mostra Sogni ancestrali, progetto ad opera di Filippo Tarchini e Andrea Trucchia, a cura di Elisabetta Furlani.

F A T T – Filippo e Andrea, Tarchini e Trucchia sono i fautori delle opere in esposizione per il prossimo mese alla Stazione Gauss.

Filippo Tarchini è nato a Mantova il 3 luglio 1979 e si è diplomato presso l’Istituto Tecnico Commerciale. Gestisce insieme al fratello un’azienda artigianale specializzata nella lavorazione del legno.

Andrea Trucchia è nato a Pesaro il 16 dicembre 1981 e si è diplomato presso l’Istituto Tecnico Aeronautico. Da sempre con la passione dell’arte, ha scoperto la fotografia che è divenuta la sua professione.

fatt_sitoLa collaborazione tra Andrea e Filippo è nata quasi per caso e ha portato allo sviluppo di una particolare tecnica di lavorazione del legno. Utilizzando materiale di scarto, presente in grande quantità nel laboratorio di Filippo, i due “artigiani” hanno comiciato a dipingere le tavole ad acrilico spruzzato con l’aerografo e per fissare l’effetto cromatico hanno terminato l’opera con la lucidatura. Il risultato sono textures colorate che si avvicinano alla decorazione murale, tanto da poter essere accostate alla sfera delle arti applicate, del design. L’uso del legno di riciclo è poi al passo con i tempi che pretendono sempre di più, anche dal mondo dell’arte, un approccio green.

Prototipi di una nuova tecnica decorativa o tavole da appendere alle pareti di casa, questa interessante sperimentazione mette in luce come la creatività dell’uomo e l’utilizzo di materiali inaspettatamente artistici possono dar vita a un’innovazione stimolante.

L’inaugurazione si terrà sabato 16 gennaio dalle ore 20 alla presenza degli artisti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>