Mamma e figlioletto di 9 mesi morti in A14, “positivo alla cocaina” il fanese che ha tamponato il mezzo

di 

13 gennaio 2016

Polizia StradaleFANO – Una tragedia immane che si era materializzata il giorno di Natale, in A14, sul tratto autostradale vicino al casello di Rimini sud. In un tamponamento, persero la vita una donna pakistana di 27 anni e il suo bimbo di 9 mesi. Nello stesso incidente feriti il marito e l’altro figlioletto di 2 anni (rileggi l’articolo qui).

La notizia è che il 40enne fanese che ha tamponato l’auto della famiglia straniera sarebbe risultato positivo alla cocaina. Lo ha reso noto Giordano Biserni, presidente dell’Associazione sostenitori e amici della Polizia stradale, che ha detto: “Tutti gli incidenti apparentemente inspiegabili alla fine degli accertamenti risultano quasi sempre spiegabili. Dall’esame del sangue fatto all’ospedale di Rimini, il conducente 40enne di Fano è risultato positivo alla cocaina. Questo incidente certifica ancora una volta come sulla strada il rischio di conducenti che guidano sotto l’effetto di stupefacenti sia elevatissimo, mentre il numero dei controlli e soprattutto la loro efficacia sono assolutamente inadeguati”.

“Quel conducente pluriomicida – conclude il presidente dell’Asaps Biserni – qualora venisse accertata la sua penale responsabilità, in assenza della legge sull’omicidio stradale (che ancora come promotori di vecchia data attendiamo e speriamo arrivi a giorni) se la caverà con la condanna a qualche simbolico anno di prigione che non sarà probabilmente mai scontato e fra qualche anno tornerà a guidare”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>