All’ospedale Lanciarini di Sassocorvaro protesta a oltranza. Il sindaco Grossi: “Nessuna telefonata dalla Regione”

di 

14 gennaio 2016

SASSOCORVARO – Continua il presidio davanti al Lanciarini e anche oggi, nel terzo giorno di protesta, oltre 1.000 persone hanno raggiunto il nosocomio, ora ospedale di comunità. C’è chi è arrivato per il proprio turno, chi per firmare per la richiesta di un referendum, in tanti anche da fuori la zona interessata.

Sindaco come procede? A rispondere Daniele Grossi: “Tante persone sono arrivate e sicuramente anche nella notte ne arriveranno altre ma viviamo nell’indifferenza. Abbiamo tanto calore dai cittadini, da sindaci e consigli comunali, di tutte le ideologie, dai media ma non dalla Regione. Né il presidente né nessun’altra mi ha contattato, indifferenza totale su questa occupazione”.

Perché secondo lei?
“Forse non sono interessati. Penso che c’è poco da essere postivi, ma sono sicuro che continueremo la protesta, ad oltranza, fino a quando non faranno marcia indietro e manterranno le promesse fatte. Certo che, mai come in questo caso, mi sento di dire, rivolto alla Regione, che una telefonata allunga la vita”.

Il sindaco Grossi cita un vecchio slogan pubblicitario. Intanto per sabato saranno in tanti i cittadini che si ritroveranno in piazza della Repubblica ad attendere il governatore Luca Ceriscioli in una manifestazione pacifica per dire no a questo piano sanitario regionale e far valere il diritto alla salute (link Facebook dell’evento https://www.facebook.com/events/1510263089269877/).

Domani arriverà davanti al Lanciarini Ivan Cottini, ex modello e sempre attivo per il sociale, per iniziare la sua personale protesta sospendendo l’assunzione di farmaci energetici. Saranno presenti, sempre dalle 10, anche i ragazzi dell’istituto onnicomprensivo Montefeltro di Sassocorvaro.

Sindaco, cosa si aspetta dall’Assemblea dei sindaci di Area Vasta di sabato mattina a Collegio Raffaello dove il presidente Ceriscioli ha confermato la propria presenza?
“Ascolterò cosa diranno ma non mi aspetto nulla. Voglio vedere nero su bianco se dopo la Giunta di lunedì 18 rispetteranno le promesse, altrimenti la protesta continuerà”.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>