Anche a Pesaro con il rinnovo della carta di identità ora si può dare il consenso alla donazione degli organi

di 

15 gennaio 2016

PESARO – Da mercoledì 20 gennaio sarà possibile dare il proprio consenso alla donazione degli organi in occasione del rilascio della carta d’identità o del suo rinnovo. Anche nel Comune di Pesaro si avvia dunque il progetto ministeriale “Carta d’identità – Donazione organi”.

L'assessore Della Dora, il sindaco Ricci e il presidente Aido Riciputi durante la conferenza di presentazione della "Carta d'identità - Donazione Organi"

L’assessore Della Dora, il sindaco Ricci e il presidente Aido Riciputi durante la conferenza di presentazione della “Carta d’identità – Donazione Organi”

“La donazione di organi e di tessuti rappresenta un atto di solidarietà verso il prossimo – si legge nella delibera di Giunta approvata nell’ultima seduta del 2015 -, un segno di grande civiltà e di rispetto per la vita”. Grazie infatti alle donazioni di organi, molte persone affette da gravi patologie avranno la possibilità di essere trapiantate e di tornare quindi a condurre una vita normale. “Il trapianto di organi – è scritto ancora nella delibera – rappresenta una efficace terapia per alcune gravi malattie e l’unica soluzione terapeutica per alcune patologie non altrimenti curabili. Grazie al progresso della medicina e all’esperienza acquisita nel settore negli ultimi decenni, il trapianto rappresenta la soluzione terapeutica in grado di garantire al paziente ricevente, il ritorno ad una qualità della vita normale e una buona aspettativa di vita”.

Una volta dato il proprio consenso, i Comuni trasmetteranno i dati al Sistema Informativo Trapianti. “La raccolta e l’inserimento delle dichiarazioni di volontà alla donazione degli organi e tessuti al momento del rilascio o del rinnovo del documento di identità rappresenta un’opportunità per aumentare il numero delle dichiarazioni e, pertanto, di incrementare in modo graduale il bacino dei soggetti potenzialmente donatori”, è evidenziato nella delibera. Il progetto, come detto, in fase di primo avviato coinvolgerà l’Anagrafe centrale del Comune e gli sportelli anagrafici dei quartieri che risultano rilasciare il maggior numero di carte d’identità, ossia i quartieri di Pantano – S. Veneranda, Villa Fastiggi e Montegranaro-Muraglia. La manifestazione del consenso o del diniego per il cittadino non sarà obbligatoria, bensì facoltativa, e potrà essere oggetto di ripensamento in qualunque momento, rivolgendosi agli sportelli preposti (Aido, Crt, Asur).

Attualmente tutti i cittadini, purché maggiorenni, possono manifestare la propria volontà:

  • nelle sedi delle associazioni dei donatori (es.: Aido)
  • nelle aziende sanitarie, nelle aziende ospedaliere o negli ambulatori dei medici di medicina generale
  • nei Centri Regionali per i Trapianti (Crt)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>