Pollice in su per la Pesaro Rugby: espugnata Firenze in attesa del girone promozione

di 

18 gennaio 2016

FIRENZE – Quasi un mese di pausa, ma la Pesaro Rugby non si smentisce. Vince a Firenze anche l’ultima gara della prima fase per 18-14 e chiude al meglio il primo girone. Il primo posto non era in discussione ma i giallorossi hanno voluto onorare il campionato anche a risultato già acquisito, in attesa del girone promozione che inizierà il 31 gennaio. Contro Firenze una gara comunque non facile, da un lato per le poche motivazioni che questa partita poteva dare, dall’altro per una rosa non al completo, guidata per questa giornata dalla coppia Pozzi Subissati. Se in mediana torna l’accoppiata della promozione in serie B Tarini – Panzieri, inedita la coppia di centri con Ballarini e Biagetti e il giovane Piccioli da estremo, con l’esordio nel secondo tempo del nuovo pilone Andrea Benelli.
Azione di Piccioli del Pesaro Rugby

Azione di Piccioli del Pesaro Rugby

E’ Pesaro a fare la partita nel primo tempo, ma non riesce a concretizzare e viene punita dal Florentia che si porta in vantaggio. Maggiore concretezza nel secondo tempo, in cui Pesaro riesce ad andare in meta due volte con Piccioli e con Jaouhari che conclude al meglio una maul. Se i toscani realizzano una seconda meta a fare la differenza sono i calci piazzati e la precisione di Alessandro Babbi che consegna la vittoria ai giallorossi.

Pesaro che ora avrà un’ulteriore domenica di pausa utile per recuperare alcuni infortunati e poi dovrà vedersela nel girone promozione assieme ad Arezzo e Livorno, che salgono con Pesaro dal girone marchigiano- toscano, e Noceto, Parma e Romagna che arrivano da quello emiliano romagnolo.
Pesaro Rugby: Casoli (Benelli) Maccan, Galdelli, Battisti, Campagnolo, Cecconi, Sanchioni e Jaouhari, Tarini, Panzieri, Nardini, Ballarini, Biagetti, Babbi, Piccioli A disp. Giunti, Benelli, Koye, Scavone, Cardellini, Bottari, Martinelli Marco
Classifica: Pesaro 39, Arezzo e Livorno 24, Union Tirreno 21, Firenze 20, Florentia 17

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>