Masterchef s’è illuminato di Vale: puntata al Motor Ranch di Tavullia

di 

22 gennaio 2016

Bruno Barbieri, Carlo Cracco, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo di Masterchef a Tavullia nel ranch di Valentino Rossi (foto tratta dal web)

Bruno Barbieri, Carlo Cracco, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo di Masterchef a Tavullia nel ranch di Valentino Rossi (foto tratta dal web)

TAVULLIA – Come annunciato, la cucina più famosa d’Italia – quella del famoso cooking show targato Sky Masterchef – si è trasferita a Tavullia. Precisamente al Motor Ranch di Valentino Rossi, dove qualche mese fa è stata registrata un’esterna andata in onda ieri sera.

Fra derapate a casa del campione, con i gioiellini dell’Academy VR46 a provare a mettersi in mostra prima di sedersi a tavola assieme ai membri dello staff e alla bella Linda, la dolce metà del campione, i cuochi amatoriali – divisi in due brigate – hanno dovuto preparare una grigliata di carne mista e una bruschetta al pomodoro, un’insalata di fagioli e una peperonata.

I quaranta commensali hanno decretato la vittoria dei blu del supertifoso Mattia, e probabilmente a casa del dottore non poteva essere altrimenti. Valentino si è prestato al gioco con la proverbiale simpatia, facendo anche qualche rivelazione particolare. “Io non ci sono molto fare ai fornelli, però il caffè lo preparo bene”. E ancora: “A me la carne piace al sangue, e i ragazzi del Team Gradella che solitamente cucinano per noi lo sanno”.

I cuochi amatoriali rimasti in gara, visibilmente emozionati, hanno dato vita a una puntata sicuramente riuscitissima. Il tutto sotto gli occhi vigili del quartetto di chef che fanno da giudici, ovverosia Carlo Cracco, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo.

Tornati nella Masterclass, il “Pressure test” a cui si sono dovuti sottoporre i componenti della brigata rossa, quella sconfitta, ha condannato l’eccentrica Marzia, una farmacista che ha strappato risate convinte a mezza Italia. Applausi… che spettacolo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>