Federico e Claudio, due vite spezzate nel fiore degli anni

di 

23 gennaio 2016

PESARO – Pesaro e tutta la provincia si sono svegliate incredule, con le lacrime agli occhi, dinnanzi a una notizia terribile. Davanti alla tragica fine di due ragazzi come tanti nel fiore degli anni, volati in cielo dopo una serata trascorsa in allegria in un locale del Lido fanese come tante.

Erano le 4.35 circa quando Federico Corsini, 20enne residente a Cattabrighe, se n’è andato in un uscita da una curva del centro cittadino pesarese. Precisamente al Curvone, dove la Twingo che guidava è uscita di strada per cause al vaglio degli inquirenti, ribaltandosi e schiantandosi contro un maledettissimo albero posizionato sul ciglio della strada.

Inutili i tentativi di rianimare il ragazzo, che fino a poco tempo fa faceva il commesso in un noto negozio di scarpe e articoli sportivi della Torraccia. La stessa terribile sorte è toccata all’amico Claudio Costagliola, 25 anni, residente a Tavullia, da poco assunto alla Scavolini cucine. Uno che – giura chi lo conosceva – era contento di aver finalmente trovato un’occupazione ritenuta stabile e sicura.

Due ragazzi normali andati via nella maniera più tragica, dopo un venerdì sera trascorso al Lido, in un localino del lungomare fanese, assieme agli amici. Con loro, nell’auto uscita di strada, altri due ventenni – un ragazzo e una ragazza – che grazie al cielo se la sono cavata con ferite lievi nel corpo, anche se quelle più profonde, nell’anima di chi ha visto da vicino la morte di due amici, rimarranno probabilmente per sempre.

Alle famiglie dei due ragazzi, ai familiari, amici e conoscenti, la vicinanza – per quel poco che può valere – della redazione di pu24.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>