Volley Pesaro ko al tie break: a Campanara vince Trento

di 

24 gennaio 2016

MYCICERO PESARO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 2-3
MYCICERO PESARO: Sestini 11, Mezzasoma 25, Babbi 11, Mastrodicasa 18, Di Iulio 2, Liliom 4; Ghilardi (L), Arciprete 13, M’Bra. N.e.: Zannini, Bordignon, Gennari, Di Marino. All. Bertini
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Marchioron 21, Guatelli 14, Repice 15, Demichelis 1, Segura 12, Zuleta 7; Zardo (L), Pistolato 4, Michieletto, Antonucci, Bortoli. N.e. Bogatec. All. Gazzotti
ARBITRI: Cerra e Mattei
PARZIALI: 20-25, 25-20, 22-25, 25-16, 15-17
NOTE: myCicero: battute sbagliate 9; battute vincenti 3; ricezione 69% (prf. 33%); attacco 37%; errori 29; muri 9. Delta Informatica: battute sbagliate 8; battute vincenti 7; ricezione 71% (prf. 34%); attacco 33%; errori 23; muri 8. La Scuola di Pallavolo Polisportiva di Gubbio è stata gradita ospite del Volley Pesaro

PESARO – La Delta Informatica Trentino vince a Pesaro grazie alla maggiore esperienza nei momenti topici dell’incontro. La myCicero, dal canto suo, si può rammaricare solo per il risultato finale perché in questa partita ha dimostrato una volta di più che ha tutte le credenziali per poter ben figurare in questo campionato.

L’avvio è equilibrato prima che la Delta tenti la fuga soprattutto con le pipe di Marchioron, costringendo Bertini a fermare tutto con il primo time out discrezionale per far sì che la situazione non si complichi, ma le ospiti piazzano un parziale di 5-0 e dal 6-5 volano sull’11-5. Dall’altra parte della rete una Mezzasoma in splendida forma (sarà di 25 punti il suo score finale) prova a tenere la myCicero dentro il set e con due muri e un ace accorcia le distanze (9-12). Ma la Delta sembra più incisiva, soprattutto con il fondamentale della battuta e con Marchioron che pare incontenibile da posto 6. Pesaro tenta di accorciare le distanze con un parziale di 3-0 prima che Liliom sprechi con un attacco out il possibile -3 (da 13-16 a 12-17). Babbi e compagne non mollano, però, e Liliom si riscatta immediatamente, aiutata da Mastrodicasa, riportando la myCicero a -2 (16-18). Il turno di Segura in battuta risulta sanguinoso per le padrone di casa: la Delta piazza un controparziale di 4-0 (due ace, un muro di Marchioron e un palleggio di seconda di Demichelis) spostano gli equilibri in favore delle ospiti che chiudono la frazione in proprio favore con una fast di Repice.

Nel secondo set, Pesaro sembra più determinata e vola subito sul 5-2 ma con un parziale di 6-2 la Delta torna subito in partita (7-8). Da qui si procede punto a punto, con le squadre che tentano di scappare a turno fino a che Pesaro, che nel frattempo ha sostituito Liliom con Arciprete (ottimo l’impatto della diciottenne sulla partita, chiuderà con 13 punti), tenta la fuga sul 20-17 con un primo tempo della Sestini che replica subito dopo grazie a una ricezione difettosa delle ospiti, costringendo Gazzotti a chiamare time out (21-17). Mezzasoma, con due punti di fila, regala 5 set poit alle padrone di casa che con un attacco da posto 3 di Mastrodicasa pareggiano i conti.

Avvio di terzo set equilibrato a dimostrazione che le squadre si equivalgono. La Delta, che cambia Secura con Pistolato, con un parziale di 3-0, tenta una prima fuga sull’abbrivio del time out tecnico (12-9) e mantiene le debite distanze grazie a una battuta della myCicero troppo morbida che consente alla Demichelis di orchestrare molto bene il gioco delle giallonere. Due punti consecutivi della Arciprete costringono Gazzotti a giocarsi il primo time out discrezionale sul 19-16 in proprio favore. Time out ben speso perché, al rientro in campo, Repice restituisce il parziale di 2-0 con un primo tempo e una fast (21-17). Il parziale si chiude praticamente qui con la Marchioron tornata a far male con le pipe e non serve neanche l’ultimo sussulto di Babbi e compagne che da 19-24, con Mezzasoma in battuta, fanno 3 punti di fila: lo stesso opposto rossoblù sbaglia però battuta e regala l’1-2 alle trentine.

Quarta frazione in equilibrio come le precedenti ma un turno in battuta mortifero di Di Iulio (con un parziale di 4-0) fa scappare la myCicero (da 4-6 a 8-6). Al time out tecnico ci arriva prima Pesaro con una parallela da urlo di Mezzasoma (12-10) che, poi in battuta, fa scappare la myCicero con un parziale di 5-2 (17-12). Che si allunga, sempre con questo fondamentale ma con Babbi e Mastrodicasa fino al 21-12. La Delta, che nel frattempo cambia la diagonale palleggiatore-opposto con gli ingressi di Bortoli e Antonucci in vece di Marchioron e Demichelis, prova a rimanere agganciata con tre punti di fila (21-15) e Bertini ferma tutto con un time out che risulta proficuo perché Pesaro chiude con un primo tempo di Sestini.

Tie break equilibratissimo come, del resto, tutto il match vibrante e combattuto. Pesaro piazza un piccolo break di due punti grazie a un muro di Mezzasoma e a un errore in attacco di Guatelli (da 9 pari a 11-9) ma la Delta impatta sul 12 pari con un attacco di Marchioron e un fraintendimento in attacco tra Di Iulio e Babbi e sorpassa con una fast di Repice. Si arriva così ai vantaggi con la Delta che contesta un attacco di Arciprete che gli arbitri vedono toccata dal muro; la stessa Arciprete mette fuori il punto della possibile vittoria; Segura e un malinteso in attacco tra Di Iulio e Mastrodicasa regalano la vittoria alle ospiti.

“Abbiamo giocato un’ottima partita al cospetto di una signora squadra – esordisce così Matteo Bertini al termine dell’incontro – è il carattere e la determinazione che voglio. Mi sono divertito e mi dispiace solo per come è finita perché Di Iulio, per la partita che ha giocato, non si meritava un finale simile né lei né la squadra”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>