I ragazzi di San Patrignano al Bramante di Urbania rappresentano la storia di San Francesco

di 

26 gennaio 2016

URBANIA – Giovedì 28 gennaio alle 21.15, al Teatro Bramante di Urbania, torna Teatri d’Autore la stagione dei teatri storici della provincia di Pesaro e Urbino con la Compagnia di San Patrignano rappresenterà Francesco povero, testo inedito e mai rappresentato, scritto dall’attore e regista Pietro Conversano nel 1996 su ispirazione di Orazio Costa, di cui fu allievo e collaboratore.
francesco povero39 @silighini40 ragazzi in scena per ricomporre una differente sacra rappresentazione, un affresco scarno e asciutto, privo di retorica ed enfasi. La parabola biografica e spirituale di Francesco viene così restituita attraverso una trama linguistica che intreccia l’originale lingua jacoponica, come lo stesso Costa volle, ai diversi dialetti dei ragazzi. Lo spettacolo è arricchito dalle musiche scritte ad hoc da Mario Mariani e dalla presenza dei SanpaSingers, il coro della comunità diretto da Marco Galli. Musica e teatro si sposano nel messaggio universale di Francesco, che così bene si coniuga con l’esperienza dei ragazzi di San Patrignano durante il percorso di recupero dalla tossicodipendenza. “Io mi sento un po’ come Francesco, anche io mi sono spogliato del male per rivestirmi del bene”, così afferma Gianluca, uno dei giovani coinvolti nello spettacolo Francesco povero , per indicare il percorso di rinascita dei ragazzi della comunità di San Patrignano, tesa al recupero dalla tossicodipendenza.

Da diversi anni nella comunità si tengono corsi di recitazione, canto, danza, ma, con il nuovo spettacolo, è nato anche il Polo Artistico San Patrignano per unire i laboratori di teatro, danza, musica, e canto in un progetto comune. Spiega Patrizia Russi, che dopo aver concluso anni fa il suo percorso in comunità, lavora ora per l’affermazione del Polo: “Due anni fa, abbiamo avuto l’opportunità di dimostrare pubblicamente che veicolare cultura, quando esiste il disagio dell’anima, diventa uno strumento efficace di recupero: il nostro non vuole essere un teatro terapeutico perché già il teatro nella sua natura ha insito in sé questo concetto. mettersi in gioco, mettersi alla prova, confrontarsi con se stessi in relazione agli altri e mostrarsi diventa in un percorso di recupero, un ulteriore strumento di crescita e di conoscenza. non dimenticando il fatto che veicolare cultura dove c’è disagio è una forma efficace di prevenzione”. Un polo artistico che non ha lasciato nulla al caso, tanto che a realizzare i costumi di scena sono state le stesse ragazze della Comunità dopo uno stage formativo con la stilista Ivana Pantaleo.

francesco povero23 @silighini (1)La scelta del testo dedicato al santo di Assisi nasce dall’autore e regista Pietro Conversano che conduce a San Patrignano un laboratorio teatrale dal 2010. Conversano ora porta in scena una sua riscrittura, mai rappresentata, nella lingua di Jacopone da Todi, un dialetto umbro marchigiano: “Il testo è più vicino a Francesco dal punto di vista spirituale – spiega l’autore – non si ritrova il Francesco che la storia della chiesa ci ha consegnato con la biografia di San Bonaventura, ma il racconto è più legato a Tommaso da Celano e alla Leggenda dei tre compagniSi scopre così un Francesco molto popolare, pieno di senso mistico e spirituale; nel testo restano pochi episodi celebri, come la predica agli uccelli. Il mio lavoro si è concentrato sui contenuti del messaggio francescano e, nonostante la difficoltà linguistica, possiamo comprenderne bene il senso, come quando leggiamo Dante, anche se non capiamo ogni parola”.  L’attività della Compagnia di San Patrignano dal 2013 è sostenuta dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera

Appuntamento anche con Scuola di platea. Giovedì alle ore 18.30, presso la sala Volponi di Urbania, saranno i ragazzi del Liceo Classico di Fano e Pesaro, insieme agli studenti del Liceo Scientifico Marconi di Pesaro, ad assistere allo spettacolo e a dialogare con gli attori prima della rappresentazione.

Scuola di platea è un progetto ideato e seguito da AMAT, con l’intento di avvicinare e sensibilizzare i ragazzi delle scuole superiori al mondo teatrale.

 

BIGLIETTI:

– in prevendita (con maggiorazione di € 1,00):

biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini, 1- Pesaro, tel. 0721 387621 orari: dal mercoledì al sabato dalle 17.00 alle 19.30

biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1, Fano, tel. 0721 800750 orari: dal mercoledì al sabato 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30

– il giorno stesso dello spettacolo Biglietteria Teatro Bramante, Urbania dalle ore 19.00

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>