Test a Sepang: Lorenzo è un martello, Rossi secondo e un fantastico Stoner quinto

di 

3 febbraio 2016

Test a Sepang: la stagione MotoGp 2016 inizia come era finto il Mondiale 2015 con Lorenzo davanti a tutti e Rossi secondo. Ma rispetto al 2015 c’è una novità: il Canguro Mannaro è tornato ed è quinto. Casey è distante da Lorenzo che ha rifilato quasi un secondo di distacco a Rossi secondo (la ripetizione è voluta), ma è a un soffio da chi lo precede, ovvero da Marquez terzo e da Crutchlow quarto.

Casey Stoner

Casey Stoner

Stoner è il primo (!!!) dei piloti Ducati, davanti agli ufficiali Iannone (ottavo) e Dovizioso (13esimo) che si sono fatti sopravanzare anche da un ottimo Petrucci, buon settimo con la Ducati 2015 del team Octo Pramac.

Nel motociclismo il pilota ancora conta e fa la differenza, questo è quanto ha certificato il cronometro, giudice imparziale. Il resto sono chiacchiere: i tempi parlano chiaro. C’è un Lorenzo in gran spolvero, poi un Valentino cha va forte, molto forte, e che è più veloce di Marquez che non riesce in questo inizio di stagione a domare la Honda.

Poi c’è Cal Crutchlow, a 1”412 da Lorenzo quindi lui, Casey a 149 millesimi dal pilota del team Lcr.

Jorge Lorenzo a Sepang

Jorge Lorenzo a Sepang

Stoner è una bestia: dopo anni di assenza dalle piste è tornato ed è lì. E’ con i migliori dopo soli due o tre giorni di test. Se lo faranno continuare, se vorrà tornare, ne vedremo delle belle.

Se qualcuno si deciderà a capire che il Mondiale non è di uno solo ma che si regge sullo spettacolo che possono dare validi e forti piloti combattendo tra loro, forse il motociclismo ritroverà il suo antico smalto.

Valentino Rossi a Sepang

Valentino Rossi a Sepang

Intanto alcuni, nelle interviste di inizio anno, ci hanno spiegato che nel lungo inverno “loro” hanno lavorato per aumentare la sicurezza: il primo giorno Laverty ha distrutto la sua Ducati perché sembra, ripetiamo sembra, gli sia rimasto il gas aperto, nel secondo giorno Baz è caduto in rettilineo perché gli è scoppiata una gomma che poi la Michelin ha ritirato: come inizio non è male, la sicurezza…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>