Urbino in Musica concede il bis fra produzioni “Made in Pu”, calendario “open” e prezzi popolari

di 

3 febbraio 2016

URBINO – Si parte questo venerdì con una seconda edizione dal pentagramma ricco e variegato. Sarà la Bohème ad aprire “Urbino in Musica 2016” con esibizioni in calendario fino al 14 luglio. Almeno per ora. Perché questo sarà un programma “open”, come precisato Gilberto Santini di AMAT.
urbinoinmusicaDopo il successo della prima edizione, Urbino è sempre più eventi culturali e sempre più teatro: “Ci piace che la musica riacquisti il suo spazio, così come la danza e tutte le arti” ha commentato Maria Francesca Crespini, assessore comunale agli eventi.
Dall’opera, in programma anche Cenerentola in omaggio a Rossini, alla lirica, passando per la danza con lo spettacolo da mille e una notte “Sulle Ali della Fantasia”, messo in scena dalla scuola di danza Chorus guidata da Bianca Maria Berardi, per un cartellone di alto livello ma coinvolgendo il territorio.

Maria Francesca Crespini e Gilberto Santini

Maria Francesca Crespini e Gilberto Santini

L’esecuzione delle opere e la maggior parte degli artisti saranno made in PU. “Una crisi di successo” quella che sta vivendo il teatro nella città ducale per Santini:”Abbiamo deciso di offrire biglietti a prezzi popolari per incentivare e permettere a tutti di vivere il teatro. Dai 10 ai 20 (massimo) euro per l’opera ai 5 euro, per il loggione, degli altri spettacoli. Il 2016 emozionerà anche i più piccoli, con un programma per ragazzi molto interessante.

Urbino per la stagione teatrale ha un asso nella manica, assieme a Fermo, in esclusiva per le Marche: lo spettacolo di Virginia Raffaele che di ritorno dal Festival di SanRemo approderà sotto i Torricini per uno spettacolo che si preannuncia sold-out e i cui gli ultimi biglietti sono già in vendita.
Tornando al segmento musicale AMAT sembrerebbe aver messo a punto una ricetta vincente: titoli importanti, teatro per tutti e calendario “open” per una cultura pura. Oggi, dopo essere diventato 2.0, il teatro, punta sulle produzione km0. Questo, almeno, per Urbino in Musica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>