Alla Bit di Milano Ricci promuove la Davis e il 150° di Rossini

di 

11 febbraio 2016

Matteo Ricci alla Bit di Milano

Matteo Ricci alla Bit di Milano

MILANO – Matteo Ricci torna dalla Borsa internazionale del turismo di Milano con “riscontri più che positivi degli addetti ai lavori e degli operatori di settore” sull’offerta della città. Il sindaco con delega al marketing territoriale batte in prima persona due filoni. In mattinata, con il totem raffigurante Fabio Fognini alle spalle, insieme agli altri enti coinvolti promuove la sfida di Coppa Davis Italia-Svizzera, in programma all’Adriatic Arena dal 4 al 6 marzo: “Veniamo da grandi successi azzurri nel tennis femminile. Speriamo che proprio da Pesaro passi il rilancio dell’orgoglio maschile. Di sicuro ci puntavamo molto. E per noi sarà una bella ribalta”. Virando sul generale, “per il 2017 siamo candidati a città europea dello sport: l’evento rafforzerà ulteriormente l’immagine e la credibilità della nostra proposta. Crediamo nel turismo sportivo e continueremo ad ospitare rilevanti appuntamenti: intanto facciamo tornare il grande tennis dopo 19 anni”.

Nel pomeriggio il sindaco si dedica allo spot del 150esimo Rossiniano: “Per la città di Pesaro e per le Marche è un’occasione storica da costruire con la massima ambizione. Si tratta di un grande progetto di sviluppo economico, in una fase in cui stiamo ristrutturando la nostra economia locale, puntando forte su cultura e turismo”.

Il clou a cavallo tra il 2017 e il 2018. “Ma già nel 2016 si parte con la sfida. E per il compleanno del Cigno e i 200 anni dal Barbiere, dal 20 febbraio mettiamo in campo un intenso programma di iniziative”.

Si sofferma sul protocollo firmato per il 150esimo da governo, Comune di Pesaro e Regione Marche: “Al comitato promotore hanno aderito figure come Giorgio Napolitano, Gianni Letta e la presidente Rai Monica Maggioni”. E cita anche “la proposta di legge speciale per le iniziative relative, siglata dalla senatrice Camilla Fabbri, già condivisa trasversalmente da molti parlamentari. L’obiettivo è coinvolgere tutte le città rossiniane e raccontare Rossini con ogni linguaggio, dall’autorevolezza del nostro Rossini Opera Festival alle forme più ‘pop’. Giusto guardare alla dimensione nazionale e internazionale, attraverso il gioco di squadra. Lavoreremo insieme”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>