Occhio al Cryptolocker, il virus delle mail. I consigli della polizia per non essere scippati dei dati del pc

di 

11 febbraio 2016

polizia postale

Polizia postale

PESARO –  La polizia postale ha registrato una nuova ondata di attacchi attraverso l’invio di mail contenenti il noto virus Cryptolocker. In pratica, l’utente ignaro riceve sulla propria cartella di posta elettronica un messaggio che fornisce indicazioni ingannevoli su presunte spedizioni a suo favore, oppure contenente un link o un allegato a nome di istituti di credito, enti, gestori e fornitori di servizi noti al pubblico. Cliccando sul link, o aprendo l’allegato (solitamente in formato .jpg o .zip) viene iniettato il virus che immediatamente cripta il contenuto delle memorie dei computer, anche di quelli eventualmente collegati in rete. A quel punto si materializza il ricatto dei criminali informatici che richiedono agli utenti, per poter riaprire i file o rientrare in possesso dei propri documenti, il pagamento di centinaia di euro in bitcoin, una moneta virtuale che con un meccanismo particolare può essere tramutata in moneta reale, a fronte del quale ricevere via mail un programma per la decriptazione.

La polizia fornisce utili consigli per prevenire il fenomeno malavitoso. Ecco il Comunicato stampa della polizia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>