One Billion Rising Revolution: Fano contro la violenza su donne e bambini

di 

12 febbraio 2016

One Billion Rising a FanoFANO – ONE BILLION RISING la più grande manifestazione di massa della storia dell’umanità rinnova alle donne e agli uomini di tutto il mondo l’appuntamento per il 14 febbraio 2016, il giorno di San Valentino: non fiori e cioccolatini, quindi, ma ancora una volta la testimonianza dell’impegno e della volontà profonda di fermare con ogni mezzo culturale, legale e civile la violenza sulle donne e sulle bambine. Insieme a 200 nazioni nel mondo, in più di 90 città e paesi in Italia il 14 febbraio 2016 si ballerà di nuovo per dire basta alla violenza contro le donne e le bambine.

Giunta al quarto anno, ONE BILLION RISING nasce da un’idea della scrittrice statunitense Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day partendo dalla sconvolgente statistica delle Nazioni Unite che stimano che 1 donna su 3 sul pianeta sarà picchiata o stuprata nel corso della vita.

Questo significa un miliardo di donne e bambine. Dopo l’exploit del 2013, nel 2014 e nel 2015 OBR ha continuato la sua battaglia con un’adesione crescente a livello globale, aprendo un nuovo dibattito sui diritti, il razzismo, le disuguaglianze economiche e le guerre dichiarate sui corpi delle donne in tutto il mondo e spinge oltre un miliardo di persone a danzare e manifestare la volontà di cambiamento, scegliendo l’arte, la musica e la poesia come segno di sfida e di celebrazione.

Il 14 febbraio 2016 sarà il giorno del quarto appuntamento con OBR e il tema della Rivoluzione, già protagonista nel 2015, continua anche quest’anno. In Italia l’attenzione si concentrerà sulle donne che vivono una condizione di paura ed emarginazione come le donne migranti, che costrette ad abbandonare il loro paese per sfuggire a guerre e condizioni di vita inaccettabili, subiscono violenza fisica e psicologica durante i loro lunghi e dolorosi spostamenti.

Fano si unisce al miliardo di donne, uomini e bambini che in tutto il mondo scendono in piazza con ONE BILLION RISING REVOLUTION per un movimento globale, una rivoluzione che comincia dal corpo:  spontaneità e rumore, energia, ritmo di tamburi, per trasformare il dolore in potere, per affermare che ogni donna ha il diritto di vivere e decidere del proprio corpo e del proprio destino; quindi domenica 14 ci vedremo in Piazza XX Settembre (davanti al Teatro della Fortuna) ore 16:30 per il flash mob OBR e balleremo “Break the chain” siete tutti invitati a partecipare con un indumento rosso, rosa, bianco ( sciarpa, giacca, maglione, cappello etc..) colori caratteristici del movimento.

Al coordinamento organizzativo del Comune di Fano Assessorato Pari Opportunità, Fondazione Teatro della Fortuna, Commissione Pari Opportunità Regione Marche, AIDDA Marche hanno collaborato le scuole di “Fano Danza” (CAPOGIRO DANCE & THEATRE- ASD DANCE ACADEMY STUDIO – ASD SPAZIO DANZA VAGANOVA – CHIARADANZA inoltre Simona Paterniani ha curato la coreografia) che sentitamente si ringraziano insieme alle Associacioni e Comunità che hanno aderito:

Soroptimist Club Fano
Non Solo Donna Fano Onlus
New Latin Academy Fano
Flying Colors: Women in Business
Associazione NonDaSola Fano
Fior di loto associazione donne operate al seno e non
Arci Artigiana Fano
L’Africa Chiama Onlus
Emercency Sezione Fano
Apito Marche
Millevoci
Associazione DOMOmia genitori soli
AGEDO Marche
AFMA Onlus Marche Nord
Comuità Marocchina di Fano
Associazione dei Cittadini Senegalesi di Fano
Ilirianet Associazione Albanese Pesaro Urbino

Tutte le associazioni che vogliono partecipare possono unirsi ed essere coinvolte nella preparazione, scriveteci sulla pagina Facebook per maggiori informazioni www.facebook.com/OBRFano.

Ascolta, Agisci, Partecipa!

Sara Cucchiarini
Consigliera Comune di Fano
Commissione Pari Opportunità Regione Marche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>