Il maestro Gianni Berengo Gardin premia i migliori scatti del Carnevale di Fano

di 

17 febbraio 2016

FANO – Venerdì 19 febbraio (ore 21.15 ingresso gratuito) il Teatro della Fortuna ospiterà la serata di premiazione del “Concorso Fotografico Nazionale Carnevale di Fano – Riti, costumi e immaginario” promosso da Centrale Fotografia, Ente Carnevalesca e Comune di Fano, inizialmente pensata per la sala Verdi del Teatro.

3-Fabio-MalpezziAmpliare i posti disponibili è diventato necessario per dare risposta alle numerose richieste arrivate agli organizzatori. La seconda edizione della “sfida per immagini” ha infatti riscosso un inaspettato successo. Sono infatti circa 200 i partecipanti al Concorso, provenienti da tutta Italia –Bologna, Milano, Napoli, Roma, decine dalle altre provincie marchigiane e addirittura dall’estero – che hanno inviato, ciascuno, 4 fotografie per raccontare l’edizione 2016 del Carnevale di Fano attraverso i suoi “Riti, Costumi e Immaginario”.

“E’ un risultato entusiasmante – dice il presidente di Centrale Fotografia Marcello Sparaventi – Ora ci attendiamo una bella serata a tutta ‘cultura e fotografia’. Invitiamo gli amanti di obiettivi, lenti, pellicole e immagini a partecipare. Sarà l’occasione unica per incontrare uno dei più importanti esponenti della fotografia documentaristica internazionale”.

2-Valentina-BaldelliA far da calamita agli appassionati di fotografia è stata infatti la presenza del maestro Gianni Berengo Gardin come presidente di giuria del Concorso. Il suo nome ha reso celebre la fotografia di reportage, documentaristica, in tutto il mondo. La sua carriera sessantennale continua a risvegliare le coscienze, a smuovere emozioni, a scatenare commenti di intellettuali e politici. Come quanto accaduto, di recente, per la mostra “Venezia le grandi navi” che affrontava con l’inconfondibile marchio interpretativo della pellicola in bianco e nero di Berengo Gardin, l’invasione veneziana delle grandi navi da crociera.

“Non sono un artista, ma un testimone del mio tempo” ribadisce il maestro nel ricordare i successi di una carriera unica, iniziata nel 1954: “Il dovere di un buon fotografo di reportage è raccontare gli avvenimenti e non fare foto artistiche, quelle sono un’altra cosa. Oggi il ruolo di critica di chi esercita questo mestiere è ancora, o forse ancor più, fondamentale. Una valutazione dei fatti dev’essere sempre presente, che sia poi positiva o negativa poco importa”.

Gianni Berengo GardinDurante l’appuntamento oltre a decretare i vincitori del Concorso, Berengo Gardin descriverà le fotografie selezionate dalla giuria, raccontando i suoi aneddoti e alcuni segreti legati alla sua carriera. Come quando venne nella città della Fortuna, negli anni in cui collaborava con il Touring Club Italiano. “Mi piace molto Fano – dice – E’ un ‘paese’ in cui la vita viene vissuta su misura, in cui c’è contatto umano” e ricorda poi di quando visitò il Carnevale “Mi accompagnarono durante la mia prima visita alla città. Ero senza attrezzatura e non potei scattare nulla. Mi ricordo però di aver assistito a un evento davvero interessante, del Getto, dell’umanità che traspariva dalla folla”.

Innamorato fedele della pellicola e del bianco e nero, Berengo Gardin, che venerdì pomeriggio valuterà gli scatti del Concorso, confessa poi scherzando: “Sarà una sofferenza guardare tutte quelle foto digitali e a colori, spero ci sia qualche scatto in pellicola. In generale sarà valutata la narrazione fatta del Carnevale. Non vogliamo foto belle ma buone foto, quelle che anche se magari un po’ sfuocate, mosse, riescono a raccontare. E l’aspetto umano sarà centrale”.

1-Alessio-SpadoniLa serata che prevede, dopo i saluti istituzionali, la descrizione dei migliori scatti del Concorso 2016 e quella di alcune foto scelte dallo sterminato archivio del maestro Berengo Gardin, si concluderà con la premiazione dei vincitori.

L’autore del miglior scatto riceverà un soggiorno per due persone ad Arles (Francia) nella prima settimana di luglio, durante “Les rencontres d’Arles”, tra i più importanti eventi fotografici del mondo, offerto da TuquiTour di Fano; il secondo una macchina fotografica messa in palio da Foto Capri di via Garibaldi a Fano e il terzo premio un prezioso pacco di libri fotografici, offerti dalla Libreria Mondadori di piazza XX Settembre a Fano. Continua inoltre fino al 21 febbraio, al Caffè Centrale di corso Matteotti 104, la mostra dedicata alla prima edizione del Concorso Fotografico Nazionale con le fotografie vincitrici e selezionate dell’edizione del 2015.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>