In mostra a Palazzo Gradari i “Sogni Pensieri Desideri” di Oncoy

di 

17 febbraio 2016

PESARO – Inaugura sabato 20 febbraio, alle 16.30, nel salone nobile di palazzo Gradari,  la mostra “Sogni Pensieri Desideri” dell’artista peruviano Rogger  Oncoy. L’acquerellista, di fama internazionale, è soprattutto apprezzato per  l’abilità nel dipingere volti di bambini e coglierne le più segrete  espressioni dell’anima.

RoggerOncoyL’esposizione è a cura dell’Associazione Multietnica Insieme per la Cultura, presieduta da Maurique Laura Julia Carpio, che nasce con l’intento di promuovere iniziative per la conoscenza e la diffusione delle culture europee ed extraeuropee; tradizioni popolari, spettacoli teatrali, mostre e conferenze. E’ inoltre patrocinata dal comune di Pesaro e in collaborazione con il centro interculturale per la pace CEIS. Rogger  Oncoy ha esposto opere dal 2008 ad oggi in tutto il mondo, tra i paesi l’Indonesia, il Cile, la Thailandia, Cina e Spagna. Ha vinto numerosissimi premi internazionali e riconoscimenti ad honorem, tra i quali nel 2014 il primo premio internazionale di acquerello “Gabriel Puig Roda, Spagna,  nel 2003 il primo premio nazionale di acquerello ICPNA, Lima, Perù, nel 2011 ha ottenuto la menzione ad honorem della rivista internazionale “The Artist’s Magazine”.

OncoyL’apertura al pubblico della mostra, dal 20 al 26 febbraio, è dalle 16 alle 20.

Rogger  Oncoy è nato (il 18 maggio 1964) e vive a Ancash, Huaraz, Perù. Artista autodidatta si dedica alla pittura ad acquerello diventando uno dei maggiori esponenti di quest’arte. E’ stato definito “il pittore dei bambini della montagna”. Tra le sue opere anche i paesaggi del suo amato Perù e i volti scavati degli anziani peruviani. Tra le tecniche utilizzate anche la pittura ad olio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>