Aci Sport premia i campioni pesaresi Rinolfi e Sbrollini

di 

22 febbraio 2016

BOLOGNA – Sabato 13 febbraio al palaCongressi di Bologna ACI SPORT ha premiato i vincitori dei vari titoli nazionali dell’automobilismo nella stagione 2015. Presenti le cariche istituzionali a partire dal presidente di ACI e ACI SPORT ingegner Angelo Sticchi Damiani, l’ex costruttore di F.1 Giancarlo Minardi, coordinatore dei vari campionati nazionali, e i presidenti delle commissioni per le varie categorie.  Pesaro e la nostra provincia sono state rappresentate da Alessandro Rinolfi vincitore dell’ennesimo titolo con la sua Morris Cooper S’ nella classe 1.300 cc. del Campionato Italiano Velocità Montagna Autostoriche e dal pergolese Marco Sbrollini trionfatore con la sua  Lancia Delta-Evo nel Trofeo Italiano Velocità Montagna nella classe oltre 3.000 cc. e della categoria E1 ITALIA/ E2 S.

Rinolfi, come detto, ha aggiunto l’ennesimo titolo alla sua bacheca che già vanta diversi titoli assoluti ed innumerevoli di classe  e categoria svariando dalla pista alla salita. Il driver “storico” è stato premiato dall’ingegner Paolo Cantarella, ex A.D. di Fiat Auto, ora pilota e responsabile della commissione per le gare in salita delle autostoriche. Marco Sbrollini con la sua splendida e mostruosa Delta-Evo da oltre 500cv. sono alla prima affermazione nazionale e per “recuperare” Marco ha portato sotto il “Catria” ben due titoli, che si aggiungono alle numerose coppe vinte  nelle singole gare, durante una carriera ultradecennale. Un particolare accomuna  i nostri campioni quello che entrambi corrono con due vetture ” icone ” delle corse e che hanno fatto la storia dell’automobile, Rinolfi con Morris Cooper (per tutti la Mini), la piccola “peste” che negli anni ’60 e ’70 le ha “suonate” a tutti nelle corse, mentre per le lady inglesi e le nostre signore dell’Italia-bene la “Mini” era un simbolo di distinzione al pari del “visone”.Sbrollini con la Lancia Delta  “Integrale” che nelle mani di Campioni come Biasion e Kankkunen ha fatto incetta di titoli mondiali, mentre il tranquillo ragioniere o padre di famiglia con la loro Delta 1,3 o 1,5 andavano al lavoro e in vacanza distinguendosi , magari dopo aver applicato la targhetta “HF” per sentirsi un po’ piloti.

Tornando ai nostri campioni, li ritroveremo entrambi in gara nella stagione che sta per iniziare, pronti per salire sul podio e regalarsi e regalare  ai propri fan emozioni e trofei.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>