“Questa barba benedetta la facciamo sì o no?” Ci si rade a Casa Rossini per le celebrazioni “Figaro qua, Figaro là”

di 

23 febbraio 2016

PESARO – Nel programma di “Figaro qua, Figaro là” (rileggi qui precedente articolo Pu24), non poteva mancare la barba a Casa Rossini, qualcosa che può accadere solo a Pesaro. E allora, fino al 29 febbraio – tutte le mattine dalle 10.30 alle 12.30 -, con la card Pesaro Cult ci si potrà radere o sistemare il taglio sulle note del Barbiere, in un angolo ad hoc al piano terra dell’edificio dove il compositore nacque il 29 febbraio (giorno che quest’anno potremo finalmente festeggiare). E speciale è anche la poltrona su cui i clienti/amanti della musica potranno sedersi: si tratta di un pezzo del XIX secolo donato alla città dal ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, rimasto decisamente colpito dal genius loci della casa di Gioachino quando la visitò nel settembre scorso.

barbiereMa non è solo “questione di barba”. Chi entra a Casa Rossini per farsi servire da Figaro, se vuole, può contribuire al restauro del patrimonio museale della città: è infatti possibile fare una donazione per sostenere l’intervento conservativo di un ritratto del Cigno di artista anonimo (olio su tela, 1875-’99) che fa parte delle collezioni Olivieri dei Musei Civici di Pesaro. Solitamente esposto nella sala Mosca della biblioteca Oliveriana, per l’occasione è ora visibile proprio al piano terra di Casa Rossini. Così guardando Rossini negli occhi, si può decidere di essere generosi per amore del Cigno e della città.

Dopo il fortunatissimo lancio nell’estate 2014 (all’epoca “in gioco” c’era un’anfora in maiolica della Fabbrica Molaroni con il volto di Rossini), continua dunque il progetto istituzionale di raccolta fondi per la cultura che chiama in causa l’intera comunità; fondi destinati a finanziare nel corso degli anni la conservazione delle opere delle raccolte civiche che hanno bisogno di essere recuperate. Perché se il patrimonio culturale appartiene a tutti, tutti possiamo essere mecenati. Per partecipare alla campagna di raccolta fondi per il ritratto di Rossini è possibile rivolgersi alla biglietteria di Casa Rossini (0721 387357).

L’iniziativa della barba a Casa Rossini è realizzata in collaborazione con CFC parrucchieri_Pesaro.

Gioachino Rossini

Gioachino Rossini

E ancora a proposito di Casa Rossini, si ricorda che fino al 29 febbraio sarà aperta tutti i giorni con orario: 10-13 / 15.30- 18.30. L’ingresso è libero fino a 19 anni e con la card Pesaro Cult nei pomeriggi di 23, 24 e 25 febbraio. Dal 20 al 29 febbraio, anche lapromozione Art Glass – per un percorso con gli “speciali” occhiali multimediali accompagnati da Rossini – ha una tariffa ridotta di € 3 (anziché € 5).

Questa barba benedetta la facciamo sì o no? è una frase tratta da Il barbiere di Siviglia, atto II, scena I, libretto di Cesare Sterbini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>